Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Voti in vendita in cambio delle fogne

 .:Inviato Lunedì, 10 novembre 2008 @ 23:32:31 da ortodeifrati
Rassegna Stampa
Il Comitato Cittadini Marco Simone mette su E-Bay 300 voti per chi costruisce la rete fognaria.
La replica di Silvi: "Tra quaranta giorni vedranno i primi risultati concreti"

Marco Simone: voti in vendita in cambio delle fogne

Il Comitato Cittadini Marco Simone mette su E-Bay 300 voti per chi costruisce la rete fognaria.
La replica di Silvi: "Tra quaranta giorni vedranno i primi risultati concreti"

GUIDONIA - Chissà se qualcuno i conti se l'è già fatti e alla fine ha deciso di partecipare all'asta promossa su E-Bay dal Comitato Cittadini Marco Simone. Perché se è vero l'adagio popolare per cui "scherzando scherzando pulcinella disse la verità" qualcuno in quel di Guidonia qualche pensierino potrebbe farcelo.
E la provocazione che viene dalla voce del Comitato è quella scritta a chiare lettere sulla descrizione dell'offerta promossa on line: "Non trovando altra via di sbocco ci vediamo costretti a mettere in vendita l'unica cosa che possediamo, cioè il diritto al voto. Per questa ragione offriamo 300 voti (minimo) a qualunque, politico e non, riesca a costruire il tratto di rete fognaria in via Spagna, via Germania, via Casal Bianco e parte di via Francia. Si precisa che i voti verranno dati solo ad avvio dei cantieri". È lo stesso presidente del comitato, Fernando Leo, a sottolineare che: "la nostra vuole essere solo una provocazione. Non ce l'abbiamo con il Sindaco e con questa amministrazione ma con tutte quelle che dal 1929 non si sono occupate di questo problema. Ci sono persone che hanno pagato la Bucalossi ma che non vedono niente", ha continuato, aticipando la firma di una petizione volta proprio a chiedere la restituzione dei soldi spesi per pagare la legge sull'edificabilità dei suoli. E il tratto fognario oggetto dell'originale riffa è quello lungo 5 chilometri che in questi ultimi mesi è salito più volte alle ribalte delle cronache cittadine. "La prossima settimana affideremo l'incarico ad una delle ditte che ha presentato il suo preventivo in questi giorni - ha dichiarato l'assessore ai Lavori pubblici Filippo Silvi - e in trenta massimo quaranta giorni si potranno vedere i primi risultati concreti".
A. L. C.

Fonte: settimanale gratuito Dentro Magazine del 7 novembre 2008 - pag. 3


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Voti in vendita in cambio delle fogne" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Voti in vendita in cambio delle fogne (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 12 novembre 2008 @ 09:51:29
Ci sono alcune inesattezze: le amministrazioni morose verso il problema realizzazione rete fognaria sono tutte quelle che a seguito della Legge 28 (cioe dopo la variante al PRG) non hanno ottemperato pienamente alla medesima, non hanno eseguito gli espropri, non hanno realizzato le infrastrutture e quel che è peggio hanno permesso che aree destinate al Pubblico utilizzo siano state letteralmente prese d'assedio da speculatori senza scrupoli. Faccio notare che oggi sono decaduti tutti i vincoli preordianti all'esproprio, relativo alle aree destinate a servizi pubblici, pertanto un qs. avvocatuccio potrebbe far valere la "juis aedificandi" cioè il diritto di costruire dei proprietari coinvolti!
Inoltre l'essesore Silvi ad oggi ancora non ha dato mandato al tecnico per la realizzazione dei rilievi, come puo' dare incarichi a ditte senza la stesura di un Progetto?? E' opportuno che le notizie siano diffuse correttamente per non gettare altro fumo negli occhi a cittadini giustamente inferociti !!! 


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/