Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 museo territoriale della Sabina

 .:Inviato Giovedì, 04 settembre 2008 @ 19:22:19 da hauyna
Ambiente
31 maggio 2008, una data da ricordare per tutto il territorio Sabino e per Palombara Sabina in particolare.
Dopo anni di attesa, la delibera per la sua realizzazione è datata 1976, finalmente è stato inaugurato il Museo Territoriale della Sabina.
Ubicato nei locali del restaurato Castello Savelli, il Museo si articola su una serie di sale che documentano la presenza umana nel territorio Comunale a partire dalla più remota età della pietra sino alla piena età romana, quando Ville rustiche e sontuose dimore patrizie costellarono le alture e le pendici dei Monti Lucretili.
Il percorso museale, assai curato nella parte didattica, con pannelli illustranti il territorio e le varie fasi che caratterizzarono la sua colonizzazione, ci conduce attraverso un itinerario che va dagli insediamenti della preistoria, ubicati lungo il Fosso delle Grottoline e lungo i pianaori che fiancheggiano il Fosso della Fiora, agli insediamenti stagionali, legati alla transumanza delle greggi dalle zone montuose dell'interno alle più fertili pianure della Campagna Romana, ai primi insediamenti stabili, come l'abitato ìdell'età del Ferro di Cretone, alle fattorie di età Romana Rupublicana che rifornivano di frutta, olio, vino e verdure gli abitanti di Roma sino alle  ricche Ville di Otium, dove le facoltose Famiglie Romane venivano a ritemprarsi dalle fatiche della Città,  come la Villa di Formello che, in seguito a lavori agricoli, ha restituito alcune stupende statue tra cui uno Zeus, che è il vanto attuale del museo, in attesa che torni dal Museum of Fine Arts di Boston, a cui è stata temporaneamente prestata, la Statua della Eirene.
Salutiamo la nascita di questa istituzione culturale per tanto tempo attesa come un auspicio e una certezza che possa essere da traino e stimolo , insieme al Parco Naturale dei Monti Lucretili, per un territorio, tanto ricco di bellezza naturali e di memorie storiche e archeologiche  che fa di quest'area una delle più ricche dela nostra Regione ma al quale, sino ad oggi, la scomoda presenza della vicina Roma ha tarpato le ali.
 

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"museo territoriale della Sabina" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: museo territoriale della Sabina (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 05 settembre 2008 @ 00:16:23
Ottima iniziativa stabile sul territorio.


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/