Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Buzzi: fumata arcobaleno

 .:Inviato Domenica, 25 maggio 2008 @ 19:49:05 da ortodeifrati
Rassegna Stampa Buzzi: una fumata arcobaleno



Mercoledì la conferenza stampa che ha ufficializzato il documento. Lippiello: "Nessuno pensa che il percorso sia terminato, ma qualcosa è stato fatto"

GUIDONIA - C'è la firma sul protocollo d'intesa tra la Buzzi Unicem e l'Amministrazione comunale. Una gestazione lunga e difficile che è durata più di un anno e su cui ieri (mercoledì 21, ndr) è stata messa la parola ...
Protocollo Amministrazione - Buzzi: c'è la firma


Mercoledì la conferenza stampa che ha ufficializzato il documento. Lippiello: "Nessuno pensa che il percorso sia terminato, ma qualcosa è stato fatto"

GUIDONIA - C'è la firma sul protocollo d'intesa tra la Buzzi Unicem e l'Amministrazione comunale. Una gestazione lunga e difficile che è durata più di un anno e su cui ieri (mercoledì 21, ndr) è stata messa la parola fine. Fine, nonostante il raid degli ambientalisti, che hanno preso parte alla conferenza stampa indetta per l'ufficializzazione del protocollo. Animi poco sereni quelli del Circolo Legambiente di Guidonia, che hanno rimembrato ai vertici dell'azienda, seduti intorno al tavolo assieme al sindaco, Filippo Lippiello e agli assessori, Giovanni Polucci e Pasqualino Rossi, la bailamme di accuse, comunicati stampa al vetriolo, minacce di querele e via discorrendo, che hanno tenuto banco sulle cronache cittadine. Stefano Roggi, esponente di Legambiente, arriva a conferenza iniziata, attacca il cementificio, poi prende e se ne va. Gli attivisti che restano chiedono scusa, la conferenza ha preso una piega che non doveva prendere, e Roggi si è lasciato sfuggire qualcosa di troppo: sulla contraddizione sollevata dall'ingegner Massimo Toso, per cui c'è collaborazione tra la Buzzi e Legambiente nazionale mentre non si riesce a trovare la quadra con il Circolo di Guidonia, l'attivista ha affermato: "Non dipendo da Legambiente. Io non ho padroni". Dopo la dipartita di Roggi, gli animi si acquietano. "È un passo in avanti nella gestione dei rapporti con la Buzzi Unicem per il controllo, da parte dell'Amministrazione, di quello che avviene nello stabilimento e per gli effetti sull'impatto ambientale", ha dichiarato il Sindaco in apertura. Infatti, al punto uno del protocollo viene evidenziato l'impegno da parte della Buzzi a incontrarsi "con periodicità annuale per fornire aggiornamenti sui piani di sviluppo dello stabilimento di Guidonia", attraverso la divulgazione mensile dei dati, e attraverso un softwer che renderà accessibili i dati relativi alle emissioni gassose. Ridotto (punto 3) anche il tetto della produzione autorizzata di clinker da 1.900.000 t/a (ed installata a 1.600.000 t/a) a 1.550.000 t/a. Resta, e siamo al punto 5, l'opposizione da parte dell'Amministrazione comunale alla realizzazione, da parte della società, di impianti per il "recupero energetico di combustibili alternativi e CDR-Q", dunque no all'uso del combustibile da rifiuto per alimentare il forno. "Il lavoro fatto dall'Amministrazione di Guidonia è un caso esemplare di cooperazione -. ha dichiarato Toso - E il nostro impegno va a ridurre la nostra attività produttiva. Il gruppo ha rinunciato a mezzo milione di tonnellate di cemento su 8 milioni prodotti nel mondo". E al tavolo c'erano anche l'ex direttore dello stabilimento di Guidonia, Cornaviera, e quello appena insediato, Lisi, che manifestato sconcerto per i malumori manifestati dagli attivisti: "Sono esterrefatto.
Con questo clima dove vogliamo arrivare?" A concludere la conferenza sono Lippiello e Polucci: "Abbiamo costruito un ponte tra il nulla e il tutto. Non risolve tutti i problemi ma è stato costruito. Abbiamo aperto una nuova frontiera - . ha dichiarato il Sindaco - Questo protocollo è una pietra miliare nei rapporti tra chi opera sul territorio e il territorio stesso. Nessuno pensa che il percorso sia terminato, ma qualcosa è stato fatto". Poi parla l'ingegnere, che sulla questione Buzzi Unicem è intervenuto più volte, più o meno volontariamente: "Guidonia è un malato cronico, ma, come un medico, non posso dire che il malato si è aggravato", metafora che la dice lunga sulle polemiche velenose di cui il Verde è stato protagonista negli ultimi mesi.
Anna Laura Consalvi

Fonte: settimanale gratuito Dentro Magazine del 23 Maggio 2008 - pag. 3

Nota: Modifica al titolo e foto a cura del C.R.A.
Comitato per il Risanamento Ambientale di Guidonia

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Buzzi: fumata arcobaleno" | Login/Crea Account | 2 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Buzzi: fumata arcobaleno (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 26 maggio 2008 @ 16:01:33
come per dire: fumata dei verdi per l'industria.


[ Rispondi ]


Re: Buzzi: fumata arcobaleno (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 26 maggio 2008 @ 18:41:12


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/