Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 LegAmi: discesa ricognitiva in canoa

 .:Inviato Mercoledì, 21 maggio 2008 @ 20:12:40 da ortodeifrati
Ambiente
I risultati della discesa ricognitiva in canoa, sull'Aniene in previsione della discesa del 24 maggio nell'ambito della manifestazione LegA'mi.


Ecco la lettera-resoconto dello stato del fiume Aniene


Oggetto: risultati della discesa ricognitiva in canoa, sull'Aniene in previsione della discesa del 24 maggio nell'ambito della manifestazione LegA'mi.


In previsione della discesa in rafting prevista per il 24 maggio sul tratto dell'Aniene, da Ponte Lucano alla confluenza con il Canale d'Este, nell'ambito della manifestazione Lega'mi, è stata effettuata dal canoista Giovanni Perozzi, lo scorso sabato 17 maggio una discesa esplorativa in canoa per verificare la fattibilità dello stesso percorso. Purtroppo è stata rilevata la presenza di numerose ostruzioni dovute ad alberi caduti di traverso sull'alveo che rendono impraticabile la prevista discesa del 24.


Dal 1995 la nostra associazione Canoa Kayak Roma Assex www.assex.it affiliata alla UISP Area Acquaviva e aderente al Comitato per l'Aniene, scende periodicamente l'Aniene, nel tratto da Ponte Lucano alla confluenza sul Tevere, in base alle particolari conoscenze acquisite in questi anni nella diretta frequentazione dell'alveo dell'Aniene porta ad alcune considerazioni riferite alla situazione riscontrata in quest'ultima discesa:


tali ostruzioni, costituite da alberi caduti di traverso sull'alveo, ostacolano il regolare deflusso delle acque e trattengono rifiuti e materiali flottanti formando blocchi estesi che provocano una anomala erosione delle rive e mettendo così a repentaglio la sicurezza idraulica dei terreni sovrastanti.


In quello stesso tratto già disceso senza grandi problemi nella precedente edizione di Lega'mi del maggio 2006 , nella discesa del 17 maggio scorso sono stati rilevanti ben 5 ostruzioni dovute certamente alle piene succedutesi nei mesi scorsi. Un così elevato numero di sbarramenti non è mai stato rilevato in precedenza; è questo un elemento significativo che merita una attenta valutazione. .


La caduta degli alberi sull'alveo è causata dallo scalzamento del terreno alle radici eroso dalla corrente, è questo un fenomeno naturale occasionato dalle piene ed accentuato tuttavia da interventi "artificiali" che si ripercuotono in modo anomalo sull'equilibrio del fiume quali ad es. :

- repentine e continue variazioni di livello dovute ad es. a manovre idrauliche di impianti a monte,

- velocizzazione della corrente a causa di intervenute modifiche sull'assetto dell'alveo a monte.

La situazione rilevata lascia presagire la presenza di un numero maggiore di criticità sull'intero tratto da ponte lucano alla confluenza con il Tevere.


Per questo si renderebbe necessario un monitoraggio puntuale sulla situazione dell'alveo per interventi di rimozione tempestivi dei blocchi onde evitare le anomale erosioni delle aree riparie.


Da quanto è a nostra conoscenza l'unico modo per avere una conoscenza diretta delle condizioni dell'alveo è quello di discenderlo direttamente e non ci risulta che i vari enti e le istituzioni preposti alla tutela ed alla sorveglianza del fiumi siano attrezzate per questo. La nostra associazione in passato ha segnalato allArdis e, tramite il Comitato per l'Aniene, alla Procura di Tivoli le varie problematiche dell'Aniene relative alla sicurezza idraulica ed alle immissioni inquinanti.

In questi anni tuttavia abbiamo riscontrato un costante peggioramento delle condizioni ambientali del fiume Aniene senza registrare alcun segnale manifesto di una qualsiasi inversione di tendenza rispetto all'inquinamento ed al degrado delle zone riparie. L'auspicio è che le esigenze di tutela dell'ambiente fluviale vengano recepite concretamente dalle istituzioni preposte al controllo ed alla tutela del fiume, in tal senso sarebbe prezioso il contributo di quelle associazioni di cittadinanza attiva ed operativa che da tempo svolgono attività sul territorio.

Russo Gian Piero


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 1
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"LegAmi: discesa ricognitiva in canoa" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/