Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Uno studio sul Pozzo del Merro

 .:Inviato Venerdì, 18 aprile 2008 @ 23:47:59 da ortodeifrati
Rassegna Stampa
La Provincia ha promosso una campagna di ricerche scientifiche per studiare e tutelare al meglio la cavità carsica allagata dalle caratteristiche da record: è la più profonda esistente al mondo.


La Provincia promuove una campagna di ricerche. Un progetto scientifico per il Pozzo del Merro

Il pozzo del Merro: un gioiello della natura da conoscere e tutelare'. Questo il tema del convegno che si è tenuto di recente a Palazzo Valentini, presso la sede della Provincia di Roma. Un'occasione per illustrare lo stato delle conoscenze e riflettere sugli interventi di tutela per la cavità carsica allagata più profonda del mondo, un monumento geologico unico, ricco di cavità che scendono nelle viscere della terra per centinaia di metri, con un'infinità di diramazioni, gallerie e grotte laterali, praticamente sconosciuto ai più, situato nell'area protetta integrale di Macchia del Barco e Macchia di Gattaceca, nel territorio di Sant'Angelo Romano.
Il pozzo del Merro è stato oggetto, alcuni anni fa, di una ricerca idrogeologica durante la quale il Nucleo Sommozzatori dei Vigili del Fuoco raggiunse in due tentativi d'immersione la profondità di - 310 metri e di - 392, attuale limite conosciuto di ‘sinkhole'. Poco si sa della struttura intima e della comunità biotica che lo abita e non è nemmeno mai stata approfondita la particolarissima ecologia delle biocenesi presenti in superficie a diretto contatto con lo specchio d'acqua e nelle forme quasi strapiombanti della dolina. Proprio per dare una riposta a questi interrogativi la Provincia di Roma e la rivista specializzata ‘Mondo Sommerso', con il supporto logistico degli uomini e dei mezzi della scuola del Corpo Forestale dello Stato di Cittaducale, hanno varato un imponente programma di ricerca scientifica multidisciplinare, il ‘Merro Scientific Project'. Il progetto si propone l'obiettivo di indagare la biocenosi (la comunità dei viventi) del pozzo, le sue strutture biotiche e le relazioni di dipendenza che legano l'una alle altre con l'intento di conoscere finalmente e in maniera approfondita i segreti in esso contenuti per permettere una gestione dell'area protetta ancora più accorta ed efficace.
Laura Leone

Fonte: La Voce del N-E Romano del 18 aprile 2008 - pag. 5


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Uno studio sul Pozzo del Merro" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/