Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Munnezz

 .:Inviato Mercoledì, 09 gennaio 2008 @ 10:57:28 da Anonymous
Ambiente Anonymous scrive "Mai come in questi giorni in cui la "Napoli a cielo aperto" impera in tutti i telegiornali nostrani e di tutto il mondo ho potuto constatare quanto il nostri MEDIA sono appecoronati, o peggio assoggettati, alla politica. Strano che il buon Vespa ancora non ha fatto il plastico di un termovalorizzatore ed inquietante la passerella di "minestrari", esperti nel campo del trattamento dei rifiuti, che tutti insieme all'unisono sostengono che il termovalorizzatore è la soluzione di tutti i mali, tutti ad esaltare la Germania, la Svezia e la Svizzera, nessuno ha menzionato gli USA che hanno una esperienza nel campo superiore ai succitati Stati Europei e che stanno dismettendo i termovalorizzatori perchè: nocivi alla salute ed antieconomici. Nessuno che approfondisce il problema, la mediocrità, l'opportunità politica, l'improvvisazione e i De Gennaro questo è il massimo che il "Paese do' Sole" riesce a fare! Mi piacerebbe che questi figuri si confrontassero con esperti, VERI, nel campo! Persone che conoscono gli effetti devastanti dei fumi e delle polveri sottili che immettono nell'aria i Termovalorizzatori e cosa accade quando ciò avviene in aree già fortemente compromesse da altri e non meno inquinanti situazioni, camentifici, traffico veicolare, insediamenti produttivi etc. E' una battaglia difficile ma possibile, RACCOLTA DIFFERENZIATA SPINTA, PORTA A PORTA E UMIDO FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI COMPOST DI QUALITà! Questa è soluzione per Guidonia! Non facciamoci ingannare dalle Macchine magiche che immettono rifiuti e tirano fuori acqua da bere, sono STRoxxate!! Il nostro è il Paese dei mistreri mai risolti! Quelle tecnologie usate in Germania hanno bisogno di controlli VERI e non dei nostri, posticci e realizzati dai proprietari delle Fabbriche inquinanti, sono tecnologie costose e gravate da incentivi Statali pertanto l'energia che producono è cara ed irrisoria rispetto al reale fabbisogno degli insediamenti umani! Siamo il Paese do' Sole? E usiamolo sto cax de sole no! La Svezia, la Germania e la Svizzera hanno più impianti fotovoltaici di noi, in questo caso non si fanno i confronti?? Più che do' sole il nostro è il Paese dei SOLONI!!!"

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
Associated Topics

AmbienteC.R.A. Guidonia

"Munnezz" | Login/Crea Account | 12 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Munnezz (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 09 gennaio 2008 @ 18:50:13
Dal Tg3 regyonale di oggi: Il lazzyo è pronto ad accollarsy un pò dy monnezza campana.... ma non andra a malagrotta.....

Vuoy vedere che.......


[ Rispondi ]


Filippiello Indiana Jones e la Triade Ricicla (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 11 gennaio 2008 @ 14:28:36
Un Genio il nostro beneamato ... gli altri reperti archeologici meglio "proteggerli" sotto di tonnellate di rifiuti....
==== Il Messaggero 11.01.2008
Per l'archeologo Eugenio Moscetti la scoperta è straordinaria e mette in luce ancora una volta l'enorme giacimento archeologico racchiuso all'Inviolata oggi conosciuta più che altro per la mega discarica. Ebbene: la famosa statua di Vibia Sabina (moglie dell'imperatore Adriano, sottratta al nostro paese e finita al Museum of Fine Arts di Boston che solo di recente l'ha restituita dopo una lunga trattativa) sarebbe stata dissotterrata nel 1970 proprio all'Inviolata di Guidonia, nello stesso sito da cui emerse anni dopo la "Triade capitolina". Non quindi a Villa Adriana come evidenziato negli ultimi mesi in cui il "ritorno a casa" della preziosa statua è stato celebrato in più occasioni e in più mostre. A chiarirne a Eugenio Moscetti la provenienza - «misteriosa ma non troppo» - un'intervista di due anni fa del settimanale "Left. Avvenimenti". «Un noto personaggio - spiega Moscetti, ispettore onorario della Soprintendenza archeologica del Lazio e direttore dell'Antiquarium di Montecelio illustrando l'intervista rintracciata -, definito nel pezzo "Archeologo e tombarolo", divenuto famoso per aver trafugato all'Inviolata la Triade nel 1992, rivela di essere stato lui a trovare nelle stessa area, 20 prima, la statua di Vibia Sabina». A sollecitare la professionale curiosità di Moscetti era stata una certa recente "vaghezza" circa il luogo del ritrovamento: nel catalogo della mostra "Vibia Sabina. Da Augusta a Diva" si parlava della stessa Villa Adriana, nei successivi discorsi ufficiali genericamente di "territorio tiburtino", mentre il dato è del tutto omesso nell'esposizione in corso al Quirinale "Nostoi. Capolavori ritrovati". La questione Moscetti l'ha comunicato al sindaco Lippiello con un'accorata lettera: «Guidonia ha diritto ad un museo, la cui collocazione è da tempo stata individuata nel San Michele, che possa ospitare degnamente i suoi innumerevoli reperti ora per lo più "stretti" nel magazzino dell'Antiquarium. Serve un sussulto di orgoglio per una equa distribuzione delle risorse culturali nell'area metropolitana che dia il giusto risalto a Guidonia finora ignorata, se non per localizzare infrastrutture sgradite altrove. Ambire, quindi, a riavere la Triade e la Vibia Sabina che appartengono a Guidonia e ai suoi cittadini insieme alla valorizzazione del Parco fantasma».


[ Rispondi ]


Carnevale: Re Munnezz ed il Tanfo Argentino (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 23 gennaio 2008 @ 11:29:12
Si mormora (si dice) che: C'è chi è amico del giaguaro o chi lavora per il nemico ... li paghiamo comunque noi

Legambiente Guidonia sembrerebbe aver individuato quale persona meno interessata ad attivare la raccolta differenziata a Guidonia nel dirigente Gerardo Argentino. L'indagine preleminare come da progetto non è ancora iniziata. Dal 5 dicembre Gerardo ARGENTINO, dirigente dell'assesorato ambiente, dovrebbe aver ricevuto da parte della ISSI il bando per la campagna di comunicazione e la raccolta per l'indagine preliminare e purtroppo a tutt'oggi non risulta ancora pubblicata.
Per chi è curioso e vuole vederci chiaro sappia che
a breve dovrebbe esserci un comunicato pesante da parte di Legambiente che uscirà Giovedì.
Comunque per appurare chi rema contro Giovedì mattina si andrà all'assessorato proprio dal dirigente in questione.

Insomma sembrerebbe esserci proprio qualcuno che SPONSORIZZA L'IMPIANTO INDIFFERENZIATO E NON VUOLE ATTIVARE LA RACCOLTA DIFFERENZIATA A GUIDONIA, SE CIO' NON ACCADRA' AL PIU' PRESTO FRA 6 MESI SAREMO NELLA STESSA CONDIZIONE DI PIANURA!


[ Rispondi ]


Il Carnevale di Re Munnezz ed il Tanfo Argentino (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 23 gennaio 2008 @ 15:04:41
... é rimandato a data da destinare!


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/