Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Eredità Borghese

 .:Inviato Venerdì, 04 gennaio 2008 @ 10:34:34 da ortodeifrati
Rassegna Stampa Eredità Borghese.
Sant'Angelo Romano (e non soltanto).Il locale circolo di Alleanza Nazionale ha deciso di festeggiare la Befana con i soli figli degli iscritti. Una decisione legittima visto che è prevista anche la distribuzione di doni.

Certo l'amministrazione comunale non fa neanche quello.

Penserete che si stanno occupando di problemi ben più seri.

Sbagliato anche questo, come dimostra un articolo pubblicato sul quotidiano "La Repubblica" del 30 dicembre scorso.

La notizia riguarda l'aquisizione dei diritti sull'eredità di Anna Maria Borghese, proprietaria di circa 740 ettari.

I diritti, già acquistati dalla famiglia Chiappini, sono stati venduti dall'erede Massimo alla società Uni Land per 14 mln di euro.

Questo significa che dal 1° gennaio 2008 non dovrete più contrattare con il dott. Massimo Chiappini il valore di riscatto delle terre condotte per quasi un secolo, ma lo farete con una S.p.A. che ha appena sborsato 14 milioni di euro. E non una società qualsiasi, ma una società quotata in borsa!!

Le azioni della Uni Land in questi giorni sono state addirittura bloccate per eccesso di rialzo anche se il primo rialzo di oltre il 12% aveva portato le azioni ad un valore di 0,375 euro mentre nel 2006 valevano 1 euro, ma questi sono giochi che a noi interessano poco. Quello che importa è che, come al solito, nessuno ci ha informato dei rischi. E chissà se ne sono informati gli acquirenti della miriade di costruzioni nate nella zona “Osteria Nuova”, divenuta edificabile quasi venti anni fa. Compreranno una casa costruita su un terreno di proprietà della Uni Land S.p.A.. Pensate che ne saranno felici?

E pensare che il problema era stato sollevato molti anni fa da un amministratore di nome Giorgio Milanetti, considerato da tutti per questo motivo un pazzo visionario, i compaesani pensavano che le cose “si sarebbero sistemate da sole” e invece non avevamo capito che siamo noi a doverci muovere, altrimenti le cose andranno sempre peggio.

E’ chiaro che il problema non riguarda solo Sant’Angelo Romano, ma anche quasi tutti i comuni della Provincia di Roma, Capitale compresa, ma alcuni se ne sono preoccupati molto prima e ne sono nate diverse interpretazioni.

Tra queste la più curiosa è forse quella data da alcuni amministratori, avvocati e semplici cittadini del comune di Frascati, i quali hanno “rispolverato” una vecchia legge del 1927 che assegnava ai conduttori/agricoltori la completa proprietà dei terreni.

Ma suppongo che noi, come al solito, non ne abbiamo approfittato nonostante la mia famiglia, ad esempio, avesse acquisito la conduzione di uno di questi terreni già dal 1890. Forse sarebbe opportuno un incontro pubblico con i cittadini interessati per studiare una strategia, magari ricorrendo alla “class action”, la reintrodotta modalità collettiva di azione legale.

Dobbiamo farlo noi cittadini però. Ed al più presto, se vogliamo che la situazione non degeneri. E dobbiamo pretendere che le amministrazioni comunali di tutti i comuni coinvolti si interessino attivamente e ci tengano costanetemente informati sugli sviluppi, non come al solito andando avanti per favori personali e risolvendo solo il problema degli amici.


Eccovi i due articoli citati.

Maggioranza e opposizione divise sulla tassa da pagare per liberare i terreni

Canoni enfiteuci, continua il confronto

di Giampaolo Ranaldi

«Prima di sborsare soldi controllare se la richiesta è legittima». Comitati di Quartiere, consiglieri comunali dell’opposizione e avvocati non hanno dubbi: «Il comune non può pretendere soldi per antichi e decaduti diritti di proprietà sui terreni». E’ esplosa, ancora una volta, la polemica tra residenti delle periferie e Palazzo Marconi.
Dopo l’indennizzo per il «danno ambientale», per chi ha sanato abusi edilizi, il Comune di Frascati chiede, ora, altro denaro per azzerare secolari diritti di proprietà che vanta su tutta la periferia. Una vicenda lunga e complicata, che trova le sue radici nel lontano passato quando i terreni venivano dati in enfiteusi, ossia in uso per essere curati, coltivati, resi a pascolo. Nel 1927 il regime fascista rese legittimi i diritti degli occupanti.
Chi coltivava, faceva pascolare animali e tagliava legna su questi fondi divenne legittimo proprietario. Sui terreni ora ci sono case, edifici, autorimesse, uffici.
Tutto regolare, ma quando è necessario fare donazioni, rogiti o curare eredità, la Conservatoria Immobiliare fa rispuntare i diritti del Comune e cominciano i guai. «Frascati - spiega il vice-sindaco Giancarlo Marcotulli - ha ancora diritti da esercitare su queste proprietà. Lo dicono le normative in vigore. Ogni anno, mediamente, cinquanta cittadini pagano l’affrancazione e liberano, per sempre, i loro terreni da vincoli. E’ una soluzione messa a punto dai tecnici comunali. Si evitano perdite di tempo, spese per avvocati e le cifre da pagare sono modeste». Una specie di lasciapassare burocratico, ma comitati e politici di centro destra la pensano diversamente. Bernardo Iodice, consigliere di Alleanza Nazionale, cita fonti autorevoli: «L’agenzia del Territorio si è già espressa con la circolare n. 2 del 2004. Gli attuali proprietari sono tali a tutti gli effetti. Non c’è alcun bisogno di affrancazioni».
Dal Comitato di quartiere di Selvotta e dall’associazione Progetto Vermicino giunge una replica altrettanto particolareggiata: «Il Comune chiede canoni di affrancazione per gli ultimi cinque anni. Gli esperti che noi abbiamo consultato dicono che per cancellare i diritti del Comune sui terreni basta recarsi da qualsiasi notaio. E’ sufficiente far rilevare l’avvenuto rapporto di usucapione. I diritti del comune, infatti, si sono estinti perché sono passati ben più di venti anni». Ognuno mette in campo le sue fonti e c’è chi prospetta una soluzione di natura politica:
«Il Comune sospenda qualsiasi richiesta di denaro e si cerchi una soluzione di natura simbolica – chiede Mario Gori di Forza Italia - altrimenti si andrà nelle aule giudiziarie con tempi biblici». Proposte più che ragionevoli. Sindaco e maggioranza, però, restano sulle loro posizioni e contrattaccano: «Ormai, nei miei confronti, è un tiro al piccione - afferma deciso Francesco Posa - qualsiasi cosa fa il Comune è sbagliata. Io dico, invece, che la soluzione ora in vigore risolve perfettamente la questione. Chi non la pensa così vuol dire che ha intenzione di far sborsare soldi inutili ai cittadini». Il rischio di cui parla il sindaco è quello di trascinare i cittadini in lunghi e onerosi contenziosi burocratici, magari aggravati dai costi per le spese legali da sostenere.
Ma tra enfiteusi, indennità ambientali e superbollette di raccolta rifiuti, le vere vittime del «tiro al piccione» non saranno invece i cittadini?

Mensile a diffusione gratuita Il Tuscolo. ANNO XIV N. 130. 21 APRILE 2007.


Roma. I possedimenti che furono della principessa Anna Maria passano alla società di Alberto Mezzini. Compresi l´aeroporto di Guidonia e le cave di travertino.
Tiburtina, una Spa compra 740 ettari.
Alla bolognese Uni-Land l´"eredità Borghese", terreni tra il Gra e la Nomentana. Acquistato per 14 milioni. E nascerà anche una Fondazione


SIMONA CASALINI

Passano di mano, a poche ore dalla fine dell´anno, 740 ettari di terreni in parte agricoli e in parte edificabili all´interno del Comune di Roma. Che hanno una storia di nobiltà, lavoro, abusivismo edilizio e anche angoli paradisiaci di campagna romana intatta. Una vastissima area che si estende tra la via Tiburtina e la via Nomentata, che confina con il Grande raccordo anulare e si sviluppa fin quasi il limite della provincia di Rieti. Comprende in toto anche l´aeroporto di Guidonia e numerose cave di travertino. E´ un vasto possedimento che gli addetti ai lavori accorpavano come "eredità Anna Maria Borghese", la principessa della nobiltà nera pronipote di papa Paolo V scomparsa molti anni fa. L´intera eredità fu allora acquisita dall´amministratore dei beni di famiglia, Vittorio Chiappini e negli anni successivi quei possedimenti, poi ereditati dal figlio Massimo, docente di urbanistica a Valle Giulia, hanno avuto molti aspiranti acquirenti, uno fra gli altri Mediobanca.
Da ieri infine tutto ciò è entrato a far parte del "portafoglio proprietà" della Uni Land, la società bolognese di real estate quotata in borsa fondata da Alberto Mezzini. Un acquisto per circa 14 milioni di euro che comprende, oltre ai terreni, alle cave e alla piste aeroportuali, anche circa 1.500 unità immobiliari.
Spiegano alla Uni-Land: «Con questa acquisizione diventiamo il secondo gruppo nel trading dei terreni in Europa, secondi solo agli spagnoli Fadesa. Ancora è in corso la due diligence, cioè la valutazione dell´effettivo valore delle proprietà e ancora non siamo in grado di dire con esattezza quanto ci sia di già costruito, quanti ettari siano edificabili, quanti con vincoli agricoli. L´obbiettivo sarà comunque quello di valorizzare le aree, pur mantenendo l´integrità dell´eredità, prendendo contatti con l´amministrazione capitolina». Di certo, spiegano ancora, uno dei punti irrinunciabili dell´acquisizione è quello di realizzare una Fondazione dedicata a Vittorio e Massimo Chiappini, che avrà come scopo l´assistenza ai bisognosi.


Quotidiano La Repubblica del 30 dicembre 2007

Fonte: CompletaMente.org

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Eredità Borghese" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Eredità Borghese (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 22 febbraio 2008 @ 20:08:13
Costa di più l'eredità Borghese
di Orazio Carabini
dal Sole24ore del 22 febbraio 2007


Come in ogni thriller che si rispetti è arrivato anche il fratello gemello. Si chiama Sandro, è pure lui architetto e – dice chi li ha visti insieme – «è identico a Massimo Chiappini». Ovvero colui che nel dicembre scorso si è impegnato a cedere alla Uni Land di Bologna le proprietà immobiliari dei Borghese, una delle famiglie più note dell'aristocrazia romana: 7,46 milioni di metri quadrati alla porte di Roma con 520 fabbricati e 1.500 unità immobiliari.

Massimo Chiappini aveva ereditato tutto questo patrimonio nel 1971 dal padre Vittorio che nel 1947 l'aveva rilevato da Anna Maria Borghese, oberata dai debiti e assediata dai creditori. Nell'estate scorsa aveva definito con Uni Land la cessione, concordando peraltro una valorizzazione del patrimonio e l'impiego in beneficenza di una parte dei fondi.
Durante la due diligence legale in vista del perfezionamento del contratto è però spuntato il fratello Sandro che «risulterebbe – secondo una valutazione giuridica preliminare – vantare anch'egli dei diritti sulla cosiddetta eredità Borgehese», spiega la società bolognese in un comunicato emesso ieri al termine di un braccio di ferro con la Consob.

I legali di Uni Land sostenevano infatti che la comunicazione al mercato di questo particolare avrebbe comportato un "grave danno" alla società e in un primo tempo si sono opposti alla diffusione della notizia. Ma la Consob si è impuntata e ha giustamente preteso un comunicato. Che fa seguito a un altro, emesso il 14 febbraio, in cui Uni Land era stata obbligata, sempre dalla Consob, a fornire una serie di informazioni aggiuntive sull'accordo concluso con Massimo Chiappini.
Che cosa è emerso dai due comunicati? Alberto Mezzini, socio di riferimento di Uni Land, ha "neutralizzato" Sandro Chiappini «acquisendo in proprio (e pertanto non per il tramite di Uni Land ovvero di alcuna sua società controllata) un'opzione per il subentro – nella posizione contrattuale di promittente acquirente – in un contratto preliminare di compravendita stipulato nel mese di dicembre 2007 tra Sandro Chiappini e una società terza, avente a oggetto la cessione – per un corrispettivo di 6 milioni di euro – dei diritti reali che lo stesso Chiappini risultrebbe vantare in relazione alla cosiddetta eredità Borghese», spiega il comunicato.

Quando, presumibilmente entro il 31 marzo, sarà accertato che Sandro Chiappini è "coerede" del patrimonio Borghese, il gruppo Uni Land potrà comunque procedere all'acquisto dai due fratelli: «L'esborso – continua il comunicato – non sarà in nessun caso superiore a circa 19,7 milioni (13,7 a Massimo e 6 a Sandro Chiappini)». A Massimo andranno anche, come previsto dall'accordo di dicembre (vedere il Sole 24 Ore del 9 gennaio), il 50% della Frassino oppure una parte delle quote di un fondo immobiliare (Blu Fund) cui saranno apportati i beni dell'eredità Borghese. Insomma l'ingresso in scena di Adriano costerà alla Uni Land 6 milioni in più, sempre che gli approfondimenti legali non consentano alla società di chiedere al gemello Massimo una riduzione del prezzo. I titolo in Borsa ha fatto registrare un rialzo dell'1% a 0,31 euro.
Nel comunicato del 14 febbraio Uni Land aveva invece fornito una serie di precisazioni sul patrimonio immobiliare in via di acquisizione. Attualmente risulterebbero edificabili, nei comuni di Guidonia e di Sant'Angelo Romano (Roma), circa 2 milioni di metri quadrati. La società ha confermato che «l'intera proprietà risulta gravata da diritti di enfiteusi perpetua». In altre parole chi

Leggi il resto di questo commento...


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/