Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Breve storia del fungo nei secoli

 .:Inviato Domenica, 09 dicembre 2007 @ 14:24:14 da romgroup
Satira e humor Le denuncie ambientali in questo periodo nella zona di Guidonia Montecelio, nella provincia di Roma, pongono in evidenza 'negativa' l'immagine dei "miceni" anche detti funghi.
L'Associazione AMO (Associazione Micologica Oncologica), vuole porre l'accento sulla validità di questo elemento illustrandone brevemente il ruolo avuto dal fungo nella storia del'umanità , smentendo voci e allusioni in merito alle dicerie ambientaliste ed a tutela dell'immagine del fungo stesso.
Per tale motivo Rom Group pubblica volentieri questo comunicato stampa pervenutoci.

IL FUNGO NELLA STORIA DELL'UOMO

I funghi, proprio per il fatto che sembrano spuntare dal nulla nonché per via della velenosità di talune specie e per via degli effetti allucinogeni , hanno sin dai tempi antichi suscitato la fantasia degli uomini, avvolgendosi in un alone di magia e mistero e divenendo protagonisti di credenze e leggende popolari.

Secondo alcune credenze, infatti, si afferma che i funghi che crescono in "cerchio" e si innalzino poi verso l'alto coprendo una parte di cielo stellato siano generati da danze notturne di streghe , di gnomi o di esponenti PD ("cerchio delle streghe o del Politico Divino").Gli Aztechi ed i Maya consideravano i funghi "icone divine", per le loro proprietà allucinogene. Molte volte, si narra, si vedevano spuntare funghi improvvisamente nella notte da enormi ammassi di pietra ed era uso tra la popolazione andarvi sotto a meditare ed a inspirare le attese ricadute delle particelle, essenziali secondo la credenza popolare per ottenere un effetto a livello cerebrale e, prima o poi, avvicinarsi a DIO.

Anche nell'antica Grecia, come in Cina, il fungo era considerato simbolo divino. Narra infatti una leggenda che l'eroe Perseo, dopo un lungo viaggio, trovandosi stanco ed assetato, si poté rifocillare con dell'acqua raccolta all'interno del cappello di un fungo; per questo motivo decise di fondare in quel posto una nuovo serbatoio che chiamò ACEA (dal greco antico ACE = cosa a forma di fungo che deturpa l'ambiente ma soddisfa il palato di chi la realizza), dando vita ad una nuova civiltà ancor oggi esistente.

Invece nella Roma antica il fungo, pur apprezzatissimo per le sue qualità culinarie, diventò anche simbolo di morte, ed infatti il termine fungus indicherebbe "portatore di morte" (dal latino funus = morte e ago = porto, portare). Sono vari gli episodi tra leggenda e realtà legati alla concezione funesta dei funghi.

Si narra ad esempio che l'imperatore Claudio era così amante di funghi che morì proprio a causa di questi: la moglie Agrippina, conoscendo questa sua debolezza e desiderando mettere sul trono, al suo posto, il figlio di primo letto Nerone, lo avrebbe fatto avvelenare proprio attraverso l'aspirazione di funghi nefandi raccolti nell'aria nei pressi di una cava nelle vicinanze di Roma .

La mitologia nordica, invece, narra che una volta Odino era inseguito dai diavoli e le gocce di bava rossa che cadevano dalla bocca di Sleipnir, il suo mitico cavallo a sei zampe, si trasformarono magicamente in funghi rossi. Da qui nasce la leggenda che ognuno che entra a contatto con chi ha forti interessi economici debba esserne segnato sulla pelle, divenendone un loro portavoce politico , di qualunque colore fossero prima di incontrarli (verdi, rossi ...)

Per finire, una chicca natalizia che sta bene in questo momento: In Siberia, come racconta James Bobbling, un etnobiologo di fama internazionale, gli sciamani che si riuniscono in Consilio per deliberare le sorti del paese, usavano e usano il fungo "UNI cementificus" come un sacramento religioso, ben chiuso in un sacco per non farlo disperdere nell'aria Essi - dice - entrano attraverso un'apertura del tetto detta camino dove portano questi funghi fumosi e allucinogeni, per poi disperderli nell'aria. Sono vestiti di rosso e bianco, i colori di Babbo Natale, ma anche della ex DC e di RC, quest'ultimi in via di estizione ma che in tempi passati in Siberia crescevano perfino nei boschi di conifere.

Comunicato stampa dell'AMO' - Associazione Micologica e Oncologica

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Satira e humor


Articolo più letto relativo a Satira e humor:
Votate ... perdio!

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Breve storia del fungo nei secoli" | Login/Crea Account | 2 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Breve storia del fungo nei secoli (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 09 dicembre 2007 @ 16:00:24
ah ha ha ha... è troppo forte!


[ Rispondi ]


Piccolo appuntino per l'Agenda 21 (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 10 dicembre 2007 @ 10:58:12
Piccolo appuntino per l'Agenda 21


Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio
ASSEGNAZIONE E RILASCIO DELLE QUOTE DI CO2 PER IL PERIODO 2005-2007
AI SENSI DI QUANTO STABILITO DALL’ARTICOLO 11, PARAGRAFO 1 DELLA DIRETTIVA 2003/87/CE
DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO


 N Aut 672
 Ragione Sociale del Gestore
 Buzzi Unicem Spa Cementeria di Guidonia
 Quote2005 [tonnellate CO2] = 983.360
 Quote2006 [tonnellate CO2] = 983.360
 Quote2007 [tonnellate CO2] = 983.360


Tranquilli perchè quando avremo tutte le caldaie in regola,
allora si che tirerà un'arietta fina ....fina (ProfumataMiscelata10...e lode)



[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/