Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Sciopero 9 novembre 2007

 .:Inviato Martedì, 06 novembre 2007 @ 15:58:05 da rdbcub
Lavoro e sindacato


La CUB - Confederazione Unitaria di Base, la Confederazione Cobas e il SdL Intercategoriale hanno indetto lo sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private, che si terrà il 9 novembre 2007 per l’intera giornata
Allo sciopero generale hanno già aderito tutte le sigle del sindacalismo di base.
Lo sciopero viene indetto contro l’Accordo su precarietà, welfare e pensioni del 23 luglio 2007, per la redistribuzione del reddito, la difesa ed il rilancio del sistema previdenziale pubblico e dello stato sociale, l’aggancio delle pensioni alle dinamiche inflattive e retributive, per salari europei, rinnovi contrattuali veri, lavoro stabile e tutelato e diritto al reddito, contro la guerra e per il taglio drastico delle spese militari.
“Tanto rumore per nulla”. Pierpaolo Leonardi, Coordinatore nazionale CUB, commenta così le modifiche al protocollo sul welfare. “Sconfitto nelle urne dal NO dei lavoratori attivi, e soprattutto dai moltissimi lavoratori che seguendo la nostra indicazione hanno deciso di disertare l’imbroglio del referendum, il protocollo viene ora sottoposto ad un’operazione di maquillage”.
“Il 60% come limite auspicabile nel rapporto fra ultimo stipendio e prima pensione rappresenta per i giovani l’anticamera della povertà in età matura”, analizza Leonardi. “In materia di lavori usuranti, togliere il tetto dei 5000 aventi diritto è pura e semplice demagogia, perché se non si aumentano i fondi disponibili non potrà comunque variare il numero dei beneficiari. La definizione delle quattro finestre per chi raggiunge i 40 anni di contribuiti comporta poi un risparmio per l’INPS, che pagherà in ritardo le prestazioni pensionistiche”.
“Per quanto riguarda il precariato – prosegue Leonardi - Governo e sindacati cianciano da anni della necessità di eliminarlo, ed ora si accapigliano su quanto potranno durare i rinnovi per i tempi determinati dopo i 36 mesi, senza toccare co.co.pro, lsu ed interinali, che rappresentano la parte più consistente dei contratti precari.
“Queste modifiche, che in realtà confermano l’impianto dell’accordo, sono ininfluenti e servono solo al teatrino della politica”, aggiunge Leonardi. “Ma la partita non è certo chiusa: interamente confermate le ragioni dello sciopero generale del sindacalismo di base, il 9 novembre i lavoratori si mobiliteranno per costringere il parlamento a non accettare questo protocollo”, conclude il Coordinatore CUB.

CUB Confederazione Unitaria di Base

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Lavoro e sindacato


Articolo più letto relativo a Lavoro e sindacato:
Assunzioni e questione morale

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Sciopero 9 novembre 2007" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Sciopero 9 novembre 2007 (Voto: 0)
di Anonymous il Giovedì, 08 novembre 2007 @ 10:25:28
9 Novembre 2007 SCIOPERO GENERALE
CON MANIFESTAZIONI REGIONALI
ecco l'elenco parziale delle manifestazioni regionali Roma - Piazza della Repubblica - ore  9.30

Milano - Largo Cairoli - ore  9.30

Torino - Piazza Arbarello - ore   10.00

Venezia - Campo S.Angelo - ore   10.00

Trieste - Piazza della Borsa - ore     9.30

Genova - Piazza De Ferrari - ore     9.00

Bologna - Piazza XX Settembre - ore     9,00

Ancona - Piazza Cavour - ore     9.00

Firenze - Piazza San Marco - ore     9.30

Teramo - Piazza S. Francesco - ore    10.00

Napoli - Piazza Garibaldi - ore    9.30

Potenza - Via Anzio, Regione Basilicata - ore     9.30  

Taranto - Piazzale Arsenale - ore   10.30

Cosenza - Piazza Fera - ore     9.00

Cagliari - Piazza Garibaldi - ore   10.00

Palermo - Piazza Massimo - ore     9,30

 Il corteo di Roma partirà alle 9.30 da Piazza della Repubblica, percorrerà via Cavour, piazza Venezia, via delle Botteghe oscure, largo Argentina, corso Vittorio Emanuele, e terminerà in piazza Navona.



[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/