Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Lettera aperta al Direttore

 .:Inviato Mercoledì, 17 ottobre 2007 @ 19:30:42 da comitato
Ambiente


In risposta alle dichiarazioni mezzo stampa del Direttore Buzzi-Unicem sul protocollo d'intesa con il Comune di Guidonia Montecelio, Legambiente - Circolo di Guidonia - risponde con questa lettera aperta

Carissimo direttore,
In merito alle Sue esternazioni sul protocollo di intesa, riportate dalla stampa locale, sono necessarie alcune precisazioni. Nel protocollo che Ella difende manca una valutazione complessiva dello “stato dell’ambiente” nella zona di Guidonia ed una valutazione ponderata del “peso” ambientale del cementificio. Non stiamo parlando di “inquinamento zero (che) è solo un’ipocrisia” ma si tratta di definire quanto inquina il cementificio. E la domanda è più che legittima.
Ella afferma che lo stabilimento inquina, ma l’inquinamento si limiterebbe alle sole polveri minerali derivate dalle attività di frantumazione e cottura del calcare. In realtà il cementificio utilizza almeno 100.000 ton./anno di pet-coke che, stante ai parametri di emissione producono almeno 86,6 ton./anno di PM10. A questo vanno aggiunte le emissioni indirette dovute ai combustibili utilizzati nelle attività di cava e alle emissioni del trasporto pesante in entrata e in uscita dallo stabilimento. Contrariamente a quanto affermato dalla BU (cfr. AIA, Sintesi Non Tecnica) a Guidonia esistono criticità ambientali aggravate dalla particolare situazione metereologica ed anemometrica.
Quanto alla validità dell’interlocutore, l’Amministrazione è sicuramente il referente istituzionale, eletto a rappresentare i cittadini, ma ciò non significa che essa incarni sempre concretamente i loro interessi e quelli del territorio. In realtà a Guidonia sono i movimenti e i comitati di cittadini che portano alla ribalta le problematiche locali come inquinamento atmosferico, subsidenze, emergenze rifiuti, etc. chiedendo, all’Amministrazione, le risposte dovute.
In ogni caso, anche se l’AC accettasse un protocollo “al ribasso”, come quello ipotizzato, rimane impregiudicato il diritto dei cittadini a dissentire da quelle scelte operative.
L’accordo sul CDR, da noi avversato, è un richiamo all’ordine del giorno approvato il 5 aprile 2007 dove veniva esclusa la possibilità di utilizzarlo nei forni dello stabilimento. La BU, con la clausola al punto 5 del protocollo, non vuole, forse, garantirsi la possibilità di utilizzarlo in futuro più o meno prossimo?
La posizione di Legambiente sul ciclo dei rifiuti prevede una raccolta differenziata di alto livello. L’Associazione sostiene che la chiusura del ciclo dei rifiuti nei forni dei cementifici è fattibile come soluzione transitoria e avendo riguardo alle condizioni locali. Noi condividiamo queste posizioni e non ci risulta che vi siano stati pronunciamenti favorevoli alla combustione di CDR a Guidonia da parte degli organi nazionali dell’Associazione.
Ella ci accusa di essere anarco-primitivisti, di mettere in discussione, “per pregiudizio”, l’intero sistema industria del Paese. Le gioverà ricordare che:
1. la direttiva 96/61/CE - Prevenzione e riduzione integrata dell’inquinamento (IPPC) prevede, appunto, la riduzione dell’inquinamento;
2. la delibera della Regione Lazio n. 767/2003 stabilisce che nel comune di Guidonia siano messi in atto piani di risanamento ambientale per rientrare nei limiti di legge previsti per le concentrazioni di PM10;
3. Nelle Linee Guida per l’individuazione e l’utilizzazione delle migliori tecniche disponibili – Produzione di Cemento – 5.1 si legge:
“La determinazione di idonee condizioni di autorizzazione dovrà tenere conto di fattori locali, specifici per il sito in questione, quali le caratteristiche tecniche dell’impianto, la sua ubicazione geografica e le condizioni ambientali locali. Per quanto riguarda gli impianti esistenti, si deve considerare anche la fattibilità tecnico-economica di un loro eventuale aggiornamento. Anche il solo obiettivo di garantire un elevato livello di tutela per l’ambiente nel suo complesso renderà spesso necessario valutare i pro e i contro di diversi tipi di impatto sull’ambiente, e su tali valutazioni influiranno spesso considerazioni legate alle condizioni locali”;
4. L’articolo 7 del D.Lgs. 351/1999, sui piani di controllo dell’inquinamento atmosferico, recita:
“(...) 3. I Piani devono, a seconda dei casi, prevedere misure di controllo e, se necessario, di sospensione delle attività, ivi compreso il traffico veicolare, che contribuiscono al superamento dei valori limite e delle soglie di allarme”. Sono leggi, determinazioni e/o indicazioni emanate da Autorità Pubbliche! Non sono richieste deliranti di pazzi esagitati.

Il nostro impegno è quello di ricordare a tutti che, per una esatta valutazione delle condizioni di sostenibilità ambientale del cementificio, deve essere preso in considerazione il reale livello di inquinamento della zona.
Una nostra valutazione ponderata sull’impatto del cementificio è ostacolata dalla vostra reticenza. Per esempio non si riescono ad avere informazioni puntuali sul tipo di processo produttivo, sui quantitativi di combustibile utilizzati e sulla produzione di clinker negli ultimi anni.
Per chiudere: anche noi non possiamo cambiare religione.

Distinti saluti.
Guidonia, 17 ottobre 2007
Circolo Legambiente Guidonia ONLUS
Via della Lucera, 9 00012 Guidonia (RM)
info AT legambienteguidonia DOT org
www.legambienteguidonia.org

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Lettera aperta al Direttore" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/