Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Se dio esistesse cosa ne direbbe?

 .:Inviato Sabato, 06 ottobre 2007 @ 13:21:43 da gjo
Rassegna Stampa


Roma, 6 ott. (Apcom) - L'annuncio potrebbe arrivare lunedì: Craig Venter, discusso genetista, impegnato nella corsa alla decifrazione del genoma umano, ha costruito in laboratorio con un team di scienziati un cromosoma sintetico e starebbe per annunciare la creazione della prima forma di vita artificiale. Il suo proclama dovrebbe giungere entro qualche settimana e potrebbe arrivare già fra due giorni, lunedì, alla conferenza annuale del suo istituto scientifico di San Diego in California. Si tratta di un gigantesco balzo in avanti nello sviluppo dei genomi su misura, osserva il corrispondente da New York del quotidiano britannico Guardian, che anticipa la notizia grazie a un colloquio con Venter. Lo scienziato ha detto al Guardian che sarà "un passo filosofico cruciale per la storia della nostra specie: passiamo dalla lettura del codice genetico alla capacità di scriverlo. Questo ci dà la capacità ipotetica di fare cose mai contemplate in precedenza". Con i problemi etici e le conseguenze che ne derivano, dalla possibile creazione di nuove specie, alla cura di malattie, persino alla creazione di nuove forme d'energia per salvare il pianeta. Il Guardian rivela che una squadra di 20 scienziati selezionati da Venter, guidati dal premio Nobel Hamilton Smith, ha già costruito un cromosoma sintetico, vera prodezza della bioingegneria: usando solo sostanze chimiche ricostruite in laboratorio, hanno ricomposto il puzzle di un cromosoma lungo 381 geni e contenente 580.000 coppie di codice genetico. La sequenza del Dna è basata sul batterio 'Mycoplasma genitalium' che gli scienziati hanno denudato fino ad ottenere il minimo indispensabile a sostentare la vita, togliendogli un quinto delle sue caratteristiche genetiche. Il cromosoma ricostruito sinteticamente, con il nome di 'Mycroplasma laboratorium', viene trapiantato in una cellula viva del batterio. Nellostadio finale del processo dovrebbe prendere il controllo della cellula e divenire una nuova forma di vita. Gli scienziati secondo il Guardian hanno già trapiantato con successo il genoma (naturale) di un tipo di batterio nella cellula di un altro, modificando così la specie di origine della cellula. Venter si dice "fiducioso al 100%" che la tecnica possa funzionare anche con il cromosoma creato artificialmente. La nuova forma di vita dipenderà però per il metabolismo e la capacità di riprodursi dalle strutture della cellula in cui viene impiantata, e in questo senso non può essere detta interamente sintetica. Il suo Dna però sarà artificiale. Secondo Venter si tratta di "scienza buona" e il genetista intende richiedere un brevetto per il suo batterio sintetico. "Stiamo parlando di grosso idee" ha detto al Guardian. "Cerchiamo di creare un nuovo sistema di valori per la vita. Quando si ragione su questa scala, non ci si aspetta che tutti siano d'accordo". Scrivi un commento

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
Associated Topics

Cultura e ScienzaOpinioniRassegna Stampa

"Se dio esistesse cosa ne direbbe?" | Login/Crea Account | 2 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Se dio esistesse cosa ne direbbe? (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 07 ottobre 2007 @ 10:11:27
ma queste sono notizie che si leggono dappertutto. non avete notizie locali, di guidonia, tivoli, roma?


[ Rispondi ]


Re: Se dio esistesse cosa ne direbbe? (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 07 ottobre 2007 @ 14:44:25
SI', MA PURTROPPO NON CI PIACE GUARDARE SOLO FINO ALLA PUNTA DEL NOSTRO NASO... E COSI' A VOLTE CI SPINGIAMO OLTRE... TEMERARI E'?
OVVIAMENTE NESSUNO TI OBBLIGA A PREOCCUPARTI DI QUALCOSA CHE NON SIA IL TUO GIARDINO, MA LASCIA IN PACE CHI DI NOI NON E' ABBASTANZA MESCHINO E PROVINCIALE E ANCORA SPERA DI SMUOVERE LE COSCIENZE PAESANE TRAMITE L'INFORMAZIONE...
E POI COMUNQUE, QUELLO CHE SUCCEDE A GUIDOGNA E' IN PICCOLO QUEL CHE SUCCEDE IN ITALIA E NEL MONDO, MASTELLA POTREBBE ESSERE TRANQUILLAMENTE DI GUIDONIA, E' IL SIMBOLO DI COME FUNZIONANO LE COSE NEL NOSTRO PAESE, RIPORTATO PERO' SU SCALA NAZIONALE.
NON AVEVI PROPRIO NIENTE DA COMMENTARE E'?



[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/