Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Demanio: non facciamocelo togliere dai privati

 .:Inviato Mercoledì, 05 settembre 2007 @ 14:07:07 da sub
Ambiente


La Finanziaria 2007 stabilisce che nell’arco di due anni, per l’esattezza entro il luglio del 2008, 804 immobili militari inutilizzati in tutta Italia, per un valore di 4 miliardi di Euro, passino dal ministero della Difesa all’Agenzia del demanio, nata nel 1999 e responsabile della gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato.
La stessa Finanziaria con il comma 259 ha creato uno strumento ad hoc per la gestione degli ex immobili della Difesa: si tratta di una “concessione di valorizzazione” di 50 anni, detta per questo concessione “lunga”. In pratica, un investitore privato presenta all’Agenzia del Demanio un progetto imprenditoriale, dimostra la sostenibilità economica e finanziaria dell’azione e assicura per mezzo secolo un affitto al Demanio (cioè alla casse dello Stato)
La riqualificazione e riconversione del bene nell’ambito di una concessione di valorizzazione prevede la possibilità di modifica della destinazione d’uso dell’immobile e anche la possibilità di costruire nuovi edifici.
L’Agenzia del Demanio ha varato il progetto “Valore Paese”, allo scopo di coinvolgere l'Anci, la Conferenza Stato-Regioni, i comuni interessati nel processo di valorizzazione delle aree dimesse dalla Difesa, mediante la convocazione di tavoli permanenti di confronto. Il ruolo degli enti locali in questa partita è fondamentale: tocca a loro, infatti, modificare la destinazione d’uso degli immobili e decidere gli “indici edificatori”, ossia se e in che percentuale può essere aumentata la cubatura.
Tra l'elenco degli immobili figura anche l'ex Peghetti a Guidonia Montecelio, ora adibita ad uffici comunali per diversi settori, quali Ambiente, Trasporti e Pubblica Istruzione.


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Demanio: non facciamocelo togliere dai privati" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Demanio: non facciamecelo togliere dai privati (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 05 settembre 2007 @ 14:10:30
vuoi la lista dei nomi, dei prestanomi,e delle società private che si approprieranno di tali immobili a Guidonia?
Io ce l'ho già pronta... vediamo se indovino di nuovo?



[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/