Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Quel che resta di Monticelli

 .:Inviato Martedì, 14 agosto 2007 @ 09:13:53 da sub
Rassegna Stampa


Il periodico di informazione locale del Comitato di Montecelio ha ripreso il via nel numero di Agosto 2007
Per la lettura scaricarlo qui

Pubblichiamo l'editoriale di questo numero:
Una volta questa Circoscrizione era un paese tanto piccolo quanto importante. Con una storia millenaria come la sua rocca ed una forte caratterizzazione socioculturale, Monticelli era al centro dell'economia di una notevole estensione di territorio. Oggi, pur mantenendo l'aspetto di un paese, Montecelio è ridotto a periferia marginale di un Comune con 80.000 abitanti. La centralità di Guidonia, frutto di un lascito della storia del secolo scorso, non necessariamente avrebbe dovuto privare Montecelio della sua identità. Il lato tragico di questa realtà è che anche Montecelio, al quale non è riconosciuta alcuna specificità rispetto alle periferie divenute nel frattempo circoscrizioni, è soggetto alla logica banale dei numeri e della politica dal momento che costituisce solo il 5% del bacino elettorale dell'intero Comune. Ma tutto questo può spiegare solo in parte le ragioni lo hanno portato ad essere un borgo periferico e abbandonato a sé stesso, privato del ruolo centrale che ha mantenuto per molti secoli, delle risorse economiche per i centri urbani di pregio e persino del nome. Molti lettori aggiungerebbero: "privati dei carabinieri, dei vigili, del presidio sanitario, della rocca, del lavatoio, degli "scopini", delle disinfestazioni stagionali, del decoro, della dignità". Ora, nel 2007, considerato lo stato di abbandono e di trascuratezza che caratterizza Montecelio, per non parlare proprio dei vicoli più caratteristici del suo centro storico, viene da pensare: ma come è possibile che un tale degrado sia potuto accadere sotto gli occhi degli amministratori storici di Montecelio e degli impegnati cultori della tradizione monticellese? C'è da chiedersi: come hanno potuto accettare nella loro coscienza, senza pugna, questo scempio alle loro stesse radici? Per non generalizzare, si può supporre che qualcuno di costoro sia almeno in parte d'accordo con la nostra riflessione, ma finora non sentiamo levarsi alcuna altra voce di sdegno, oltre alla nostra.

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Quel che resta di Monticelli" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/