Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 L'ANTIFASCISMO PER FORTUNA E' UN VALORE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA

 .:Inviato Sabato, 30 giugno 2007 @ 03:20:17 da gjo
Rassegna Stampa


Indagini a tutto campo per fare chiarezza sul raid di giovedì notte a Villa Ada, a Roma, dove si e' svolto il concerto della Banda Bassotti, nell'ambito della manifestazione musicale Roma incontra il mondo. All'una di notte, poco dopo la conclusione del concerto, a quanto riferiscono i Carabinieri, circa venti persone, armate di bastoni e con il volto coperto da caschi, hanno fatto irruzione nel parco capitolino e hanno cominciato ad aggredire il pubblico, lanciando anche dei petardi. Dopo il lancio dei petardi gli aggressori, che secondo il racconto degli organizzatori della manifestazione urlavano "Duce, duce", sono passati allo scontro fisico. Momenti di grande tensione: due ragazzi sono rimasti feriti e sono stati traportati all'ospedale "Sandro Pertini". Uno dei due ha riportato ferite multiple da arma da taglio e ha avuto venti giorni di prognosi mentre l'altro e' rimasto ferito alla testa ed e' stato medicato con tre punti. Le persone che si trovavano all'interno dello spazio dedicato alla manifestazione sono rimaste bloccate fino all'arrivo dei carabinieri. Gli uomini del Nucleo Radiomobile e della Compagnia Parioli, giunti sul posto, hanno faticato non poco per riportare la situazione alla calma. Alcuni oggetti sono stati lanciati anche contro le forze dell'ordine. Un militare e' rimasto ferito e due auto sono state danneggiate. I carabinieri hanno identificato alcuni dei presenti e ora stanno cercando di far luce sull'episodio. "Le aggressioni fasciste purtroppo a Roma sono una realta'. Ma un attacco di questa portata, erano forse piu' di 50 armati, non si vedeva da tempo". Giorgio, uno studente, uno degli spettatori del concerto di ieri sera a Villa Ada, invita a riflettere sul fatto che "non e' stato colpito un centro sociale o un corteo ma un evento pubblico patrocinato dal comune e di stampo unicamente culturale e non certo politico". "Il concerto - racconta - e' terminato a mezzanotte e mezza ma come ogni sera si e' continuato a ballare. Alle 1,30 eravamo circa in 300: in un attimo e' accaduto il putiferio. La musica si e' improvvisamente interrotta, e' subito scoppiata una prima bomba carta a pochi metri dalla zona in cui si ballava e immediatamente dopo una cinquantina di fascisti con i caschi, bendati e armati di spranghe e bottiglie di vetro, hanno fatto irruzione nell'isolotto dei concerti picchiando chiunque trovassero di fronte". "Nei primi istanti - continua - ha decisamente prevalso il panico. Le persone scappavano cercando un rifugio sicuro, ma nel frattempo sono esplose altre due bombe carta. A quel punto abbiamo cominciato ad organizzarci e a reagire. Ci sono stati scontri per circa venti minuti. Lancio di bottiglie e di sedie, cariche dall'una e dall'altra parte, sono stati davvero venti minuti apocalittici, la villa appariva devastata. Quando sono arrivati i carabinieri, i fascisti sono scappati (non senza resistenza, e' stato anche ferito un militare) e siamo potuti andar via".

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"L'ANTIFASCISMO PER FORTUNA E' UN VALORE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA" | Login/Crea Account | 2 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: L'ANTIFASCISMO PER FORTUNA E' UN VALORE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA (Voto: 0)
di Anonymous il Sabato, 30 giugno 2007 @ 03:24:39
CONTRO OGNI FORMA DI DITTATURA
C.A.G.


[ Rispondi ]


Re: L'ANTIFASCISMO PER FORTUNA E' UN VALORE DELLA COSTITUZIONE ITALIANA (Voto: 0)
di Anonymous il Sabato, 07 luglio 2007 @ 16:17:28
CI SIAMO


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/