Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 UN LIBRO CHE FA…BENE

 .:Inviato Mercoledì, 06 giugno 2007 @ 18:20:40 da Anonymous
Cultura e Scienza Anonymous scrive "



UN LIBRO CHE FA…BENE

Presentazione del romanzo del “guidoniano” Daniele Marra: “Verso le quattro del pomeriggio”
Sarà presentatodomenica 10 giugno p.v., alle ore 17:00, presso il Garden Bar Lanciani di Guidonia (Viale Roma n.1) il primo romanzo di Daniele Marra: “Verso le quattro del pomeriggio”, edito da Enrico Folci Editore.

L’evento è patrocinato dal Sindaco Filippo Lippiello e dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Guidonia Montecelio. L’ingresso è libero e gratuito. Il costo del libro è di 15,00€.
Il ricavato sarà devoluto in beneficienza.

Questo romanzo narra la storia di un cammino che dura quasi vent’anni. Fatto di qualche istantanea adolescenziale, ma soprattutto di limpide pose scattate da adulti. Guido, Andrea e Stella, i tre personaggi principali, inizialmente lotteranno, correranno e vivranno in una Roma bellissima; da adulti, invece, si spingeranno fino a Parigi per poi lasciarsi ammaliare dal deserto del Sahara. Unicamente dipinto e colmo di significati.
Passeranno anche per Milano per poi finire tra le colline umbre alla ricerca della verità. L’unica verità per la quale vale la pena andare avanti: capire perché Guido e Stella sono da sempre e ancora indissolubilmente legati l’una all’altro. Tre storie differenti nelle quali riconoscersi per poi capire, solo alla fine, che i miracoli della vita o quelle impercettibili e inaspettate sorprese che il mondo ci regala, sono sempre a portata di mano; sono vicine a noi, qualunque sia la nostra professione o la nostra città, ma spesso non abbiamo gli occhi per vederle, e purtroppo abbiamo solo tanta scientifica voglia e stupidità per complicarle.
Guido, a diciassette anni come poi a trenta, dopo essere sfuggito all’Avvocatura di Andrea per abbandonarsi alla Magistratura, dopo aver compiuto il servizio militare a Milano passando notti insonni con Francesca e infine dopo aver risolto un caso giudiziario che inchiodava la persona che più contava per la sua Stella, saprà dipingere su una tavola grezza ogni accadimento, con un distacco solo apparente, perché pagina dopo pagina imparerà anche a lasciarsi andare alla corrente, interamente. Con il proprio corpo e con la propria mente. Perché? Perché, in ogni caso, come tutti già sanno, ma come tutti spesso dimenticano, ciò che è più importante ci accade sempre a un orario qualunque di un giorno qualsiasi.
L’autore:
MARRA Daniele
di Guidonia ( Roma )
"Solamente chi scrive un libro vive davvero". Ogni tanto l'ho sentito dire e tutte le volte, giuro tutte, mi ha fatto ridere. Oggi non rido più, ma sorrido con benevolenza e scuoto la testa come si fa quando si assiste a un tuffo dal trampolino senza sbavature. Con ammirazione, assenso e divertimento. Il tutto è nato da un regalo, da un libro che mi donò mio cugino; si trattava de "Le città invisibili" di Italo Calvino. Scritto incredibilmente bene e dotato di contenuti intriganti, ma allo stesso tempo, quell’edizione era corredata da un'introduzione unica. Oltre alle canoniche informazioni sullo scrittore, trovai uno stralcio di un'intervista che Calvino aveva rilasciato a un noto giornale americano, in occasione della presentazione del testo a New York. In quelle righe veniva introdotto il libro, e inaspettatamente veniva narrata la tecnica che aveva usato l'autore, e soprattutto che usava, per scrivere un romanzo. Calvino, per quello che aveva appuntato il giornalista, apriva di giorno in giorno diversi fascicoli dove finivano i racconti dei suoi personaggi migliori, le varianti per i possibili epiloghi, altri appunti sulle ambientazioni e le idee del tempo e del luogo dove potesse svolgersi la storia. Tutti i fascicoli erano separati e custoditi ma, questo fu davvero sorprendente, tutti erano ben ordinati e catalogati. Era la confessione di un genio o la cronaca di un inetto giornalista? Leggendo fino alla fine l'introduzione del libro, ricordo che non poteva essere che la prima. Era incredibile, ma il vulcanico Calvino passava ore, se non giorni, ad archiviare, ordinare, copiare e rilegare i suoi appunti. Bastò avere a pochi centimetri da me un blocco per tentare. Quello era un invito e la cosa più bella era che tutti potevano provare, al di là delle proprie professioni o abitudini. Tutti potevano. Anch'io. Così feci, ma ogni navigazione non può essere spedita e piacevole senza saper leggere le carte nautiche. Lo stesso accadde per il mio romanzo. La smania offuscò presto le idee che avevo avuto e Calvino finì nei miei pensieri serali, mentre ero in compagnia del mio spazzolino da denti. Le pulsioni e l'ebbrezza di completare una pagina non sopì, ma dovetti crederci, dovetti dimenticare e poi ricordare Calvino, dovetti immaginare e perdermi, dovetti "dovere" senza rendermene conto, e solo oggi, ho capito che mentre leggevo quell' introduzione, molto probabilmente avevo già la voglia smodata di scrivere, e molto più probabilmente, lo stralcio di cronaca che apriva l'introduzione de "Le città invisibili" era stato scritto solamente da un giornalista inetto. Per quel che mi riguarda, se mi è consentito dare un senso a quello che mi è capitato, non posso che confessare a te che mi leggi, che ciò che vuoi lo hai già nelle tasche, basta rigirarle e osservare quello che porti con te.
Per info: daniele_marra@yahoo.it"

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Cultura e Scienza


Articolo più letto relativo a Cultura e Scienza:
La grande vergogna

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 2


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"UN LIBRO CHE FA…BENE" | Login/Crea Account | 5 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: UN LIBRO CHE FA…BENE (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 06 giugno 2007 @ 19:51:14
Guidonia e' un fulcro potenzialmente valido di cultura, idee e intelligenze.
Peccato che vadano sprecate alle volte con governi di basso livello culturale che appenodono il cappello sul lavoro altrui.
Un augurio al concittadino e una domanda: che tipo di beneficienza?



[ Rispondi ]


Re: UN LIBRO CHE FA…BENE (Voto: 0)
di Anonymous il Giovedì, 07 giugno 2007 @ 17:14:39
Ciao Daniele sono Giorgio, complimenti, sono rimasto piacevolmente e più sorpreso dal vedere il tuo faccione in home page... e non ti dico poi leggendo l'articolo.
E' bello sapere che finalmente questo formicaio comincia a dare qualche frutto, in bocca al lupo e... che tipo di beneficienza?
GjO


[ Rispondi ]


Re: UN LIBRO CHE FA…BENE (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 18 giugno 2007 @ 21:03:24
Con piacere e sorpresa sono finito qui. Vi ho letto e subito risposto augurandomi di aver contribuito a non interrompere questa formidabile catena di curiosità!
Il libro è ancora in vendita al BAR LANCIANI di Guidonia (Viale Roma 1). Chiedede ad Emma. Ve lo ribadisco solo eprchè anzichè versare al Centro Maria Gargani di Villalba solo i proventi del 20 giugno, abbiamo deciso di lasciare altre copia al Bar per poter devolvere anche quanto sarà ricavato in questi giorni. Dobbiamo essere noi a sentirci onorati per poter aiutare con poco quei ragazzi che, ogni giorno, accidiscono i disabili della nostra zona. Noi siamo quelli in debito.
Ed allora buona lettura e correte da Lanciani.
Vi abbraccio
D.


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/