Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Lavorare prima e studiare dopo?

 .:Inviato Martedì, 05 giugno 2007 @ 14:56:48 da IALformazione
Scuola e Formazione IALformazione scrive "


Sono un orientatore di un Ente di Formazione Professionale di Montesacro e da mesi se non anni a primavera lotto insieme ai ragazzi contro gli stessi problemi.
C'è molta confusione nei ragazzi e nelle famiglie su che scuola scegliere e soprattutto quale alternative ci sono se un certo tipo di studio non va, vuoi per le materie vuoi per i professori o semplicemente perchè in certi posti ti annoi a morte perchè in realtà non lo hai scelto!
Il Ministero ha innalzato l'obbligo di andare ad una scuola pubblica fino ai 16 anni ma non ha avvisato per tempo le famiglie prima del 5 marzo (data per cambiare scuola) ed è difficile strappare ora un nulla osta ai presidi per lasciare un Istituto.
Le leggi sono uscite ma mancano ancora i regolamenti e soprattutto COSA SI IMPARA in una scuola piuttosto che in un'altra e che prospettive ci sono per dopo.
Credo che a una famiglia normale poco importi se gli Istituti Tecnici o professionali vanno seguiti dallo Stato o dalle Regioni, basta che si faccia chiarezza in mezzo ai continui cambiamenti. Nel dubbio (che dura da 10 anni) le famiglie vanno sul sicuro iscrivendo i figli ad un liceo classico o scientifico rimandando ogni scelta a dopo ( che fa un maturando, veramente pensate che lavorerà?)
Presa così la scelta tanto vale scomodarsi il meno possibile e si scelgono gli istituti sotto casa in base al gruppo prevelente di amici: risultato, i licei classici e scientifici delle periferie e di tutta Roma scoppiano, le classi sono riempite fino al soffitto (anche 32 alunni) e nessuno, passata la prima iscrizione, poi trova posto se vuol cambiare istituto neanche se trasloca di casa.
Bisogna aspettare che a seguito di ritiri e bocciature le classi nei primi anni si alleggeriscano un pò: dove vanno a finire questi ragazzi? Molti pensano che vadano nel calderone della Formazione Professionale a cui si dà il ruolo di "cestino" per i disadattati allo studio e i ragazzi a rischio: il problema è che imparare davvero un mestiere è difficile, imparare nella pratica è più complicato che imparare su libri, e l'inevitabile tirocinio in azienda perdona meno di un esame di maturità! Riassumo questi problemi per ricordare che la FP ha molte possibilità oggi di preparare bene dei giovani sia a livello culturale che per affrontare il mondo reale, dove guadagnarsi il pane. Mancano purtroppo le informazioni e l'orientamento si confonde con la pubblicità delle scuole.
Ci sono molti corsi triennali che si possono frequentare dai 14 anni invece che infilarsi a caso nella scuola più vicina o corsi biennali che danno una qualifica professionali ancora e solo per quest' anno dai 15 anni ai 18 anni.
Possono dare una preparazione di base per ritornare in pista, magari rientrando dopo a prendersi un diploma serale se torna la voglia di migliorare, mentre si guadagnano i primi soldi. Oggi la resa dei conti dei giovani con il mercato del lavoro non è a 15 o 18 anni ma a 25: un giovane può cominciare a lavorare prima e studiare a livello superiore poi quando è motivato dal lavoro che fa e dalle competenze di avrà bisogno. Se qualcuno prende un diploma a 23 anni e ha già esperienza di lavoro vale il doppio sul mercato del lavoro di un diplomato e anche di un laureato senza esperienza: non potranno mai contrattare il loro stipendio per molti anni. In conclusione: questa non è una pubblicità ma un messaggio ai giovani in crisi a non arrendersi ma ad organizzare strategie e tempi diversi a lungo termine; però bisogna portare subito a casa risultati interessanti.
Lo sapete che le iscrizioni ai corsi di Formazione Professionale nel Lazio iniziano il 1 luglio e si chiudono il 31 luglio e i corsi iniziano il 16 settembre per tutti?
Se servono informazioni su tutti i corsi gratuiti che la Provincia di Roma finanzia a ROMA EST puoi contattare il 06.8184250 o scrivere a password@ial.lazio.it
Ci sono molti Enti di formazione che offrono corsi gratuiti a ROMA EST.
Claudio Pardini
Servizio Orientamento IAL Roma e Lazio Ente di Formazione Professionale"

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Scuola e Formazione


Articolo più letto relativo a Scuola e Formazione:
TAKE CARE of MIGRATION da IDEA PRISMA 82

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Lavorare prima e studiare dopo?" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Lavorare prima e studiare dopo? (Voto: 0)
di Anonymous il Venerdì, 02 gennaio 2009 @ 16:02:01
I corsi biennali dell'alternanza formazione-lavoro sono consentiti dai 16 ai 18 anni e non dai 15 come affermi. La deroga di cui parli è spesso un'invenzione degli enti che diversamente non riescono a riempire i corsi. La gestione della FP è stata delegata alle province le quali possono assumere direttamente le attività di tutti gli enti di FP comprese quelle dello IAL. Si eviterebbe l'odioso "effetto mercato" su un tema delicato come quello dell'istruzione e della formazione che spinge a trasformare una funzione così importante come l'orientamento in mera opera pubblicitaria. Le altre province del Lazio, in forme diverse, lo hanno già fatto mentre quella di Roma no. L'ostacolo a questa operazione è rappresentato proprio dagli enti privati che non rinunciano a cedere le proprie attività. Oltretutto anche gli enti pubblici come quello di Albano e ora anche di Tivoli vogliono ostacolare questa operazione attraverso la loro trasformazione in SpA e Srl con le quali oltre ad avere assicurati i fondi per l'obbligo formativo (visto che la provincia continua considerarli pubblici) possono partecipare anche ai bandi regionali  di FSE come se fossero privati. Ora capite cosa c'è dietro le privatizzazioni? Ma è legale tutto questo??


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/