Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Schiavi moderni: il libro

 .:Inviato Mercoledì, 30 maggio 2007 @ 09:28:02 da rdbcub
Lavoro e sindacato "La legge Biagi ha introdotto in Italia il precariato.
Una moderna peste bubbonica che colpisce i lavoratori, specie in giovane età.
Ha trasformato il lavoro in progetti a tempo. La paga in elemosina.
I diritti in pretese irragionevoli.
Tutto è diventato progetto per poter applicare la legge Biagi e creare i nuovi schiavi moderni."
Questo e' uno dei commenti di Beppe Grillo. E intanto pubblca un libro sul web sullo stato e le condizioni del precario, vissute e racconatte direttamente dagli interessati nel suo blog.

Per scaricare il libro qui

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Lavoro e sindacato


Articolo più letto relativo a Lavoro e sindacato:
Assunzioni e questione morale

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Schiavi moderni: il libro" | Login/Crea Account | 3 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Schiavi moderni: il libro (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 30 maggio 2007 @ 13:23:25
se gli impiegati statali leggessero questo libro, magari apprezzerebbero di più ciò che hanno... altro che aumento, rinnovo del contratto, sindacato e scala mobile...


[ Rispondi ]


Schiavi moderni: il libro (Voto: 0)
di Anonymous il Mercoledì, 30 maggio 2007 @ 14:39:34
uno degli effetti di ritorno sulle persone che la legge biagi ha creato è proprio questo: non si cercano i diritti o ci si ribella, ma chi cade soggetto al precariato suo malgrado, attua un meccanismo mentale dove intravede come beneficiari coloro che hanno contratti con tutti i canoni dell'ante-biagi, sottopagati pure loro, ma almeno con ferie e malattia garantiti. Dovrebbe essere una cosa normale ed invece sono dei privilegiati ai loro occhi. Chissà cosa direbbero dei precari italiani coloro che , venendo dall'est o dall'africa, si trovano a cercare lavoro nel notro paese? li invidierebbero di certo. Ma non per questo ai precari si deve indicare la situazione nei paesi poveri del mondo, come faceva una mia zia quando da piccolo mi dava da mangiare cose schifose e diceva: pensa ai bambini che non hanno niente (all'epoca era di moda l'india). E' un comportamento puerile ed infantile al tempo stesso.


[ Rispondi ]


Re: Schiavi moderni: il libro (Voto: 0)
di Anonymous il Giovedì, 31 maggio 2007 @ 00:43:01
SARA' STATO STUPIDO E' VERO, DIFATTI ANCHE IO GLIE LO RIMPROVERO SEMPRE A MIA MADRE DI AVER USATO CON ME QUESTO SQUALLIDO E GROTTESCO RICATTO... PERO' FUNZIONAVA... ED IO PER UN BEL PERIODO HO MANGIATO E ZITTO... ;)
GJØ


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/