Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 LA FIP MARCHE DECIDE LA RETROCESSIONE DELLA CESTISTICA ASCOLI IN SERIE D

 .:Inviato Domenica, 20 maggio 2007 @ 10:32:26 da ballevi
Sport ASCOLI PICENO - Due arbitri, Bartolacci di Recanati e Cingolani di Iesi, hanno impiegato i 4 tempi regolamentari ed il primo supplementare per far retrocedere la Cestistica in serie D, bloccandola sul 98 a 100. Questo in un campionato dove gli illeciti cambiano nome (caso Dedic di Montegranaro uguale slealtà sportiva), dove le settimane di squalifica vengono ridotte improvvisamente per ben tre quarti o fatte giocare in casa invece che fuori, come vuole il regolamento (vedi Pedaso, San Benedetto del Tronto, ecc.), dove gli arbitri da anni sono sempre gli stessi. La spedizione punitiva della Federazione Italiana Pallacanestro contro la voce critica e trasparente della Cestistica è stata affidata a due arbitri, tenuti nascosti dal designatore fino al momento della gara. E' la prima volta, mentre per le altre occasioni i nominativi sono stati sempre segnalati sul sito internet. Alla palestra Polivalente di Ascoli Piceno, gremita da oltre 200 giovani tifosi della Cestistica, la squadra ascolana rifilava un 32 a 21 nel quarto tempo agli ospiti del Pedaso, ma gli arbitri fischiavano ben due falli al giovane Monachese, reo di aver preso due gomitate sull'occhio (subito tumefatto) ad opera di Verdecchia il quale, invece che aver 4 tiri contro, otteneva 4 punti decisivi per andare allo spareggio. Durante il supplementare a meno di 2 minuti alla fine, la Cestistica era avanti di 4 punti, ma gli arbitri invertivano ben 5 falli a favore degli ospiti, che chiudevano con 2 punti di vantaggio. Durante la gara veniva dato un fallo tecnico all'ascolano Di Furia, mentre la panchina ospite si permetteva di contestare l'arbitro e fare invasione di campo impunita. Il pubblico, sempre sportivo, accompagnava con un sonoro fischio il rientro dei due protagonisti, mentre felici, gli atleti del Pedaso, tornavano a casa con il pullman della nota società fermana che assicura il servizio pubblico, del cui direttivo membro di spicco è, guarda il caso, anche se a pensar male non si fa peccato, come suol dire il divo Giulio Andreotti, un personaggio molto influente del Comitato Regionale della Fip, in passato anche alto dirigente della Società di Pedaso. Tutti i tifosi, al termine della gara, si sono stretti al presidente professor Rocco Fazzini, esortandolo a rimanere alla guida della Società e ringraziandolo per i grandi sacrifici compiuti finora. Gli stessi Dirigenti lo hanno pregato di non mollare ma nel Basket oggi purtroppo esistono corporazioni che non danno spazio alle società trasparenti e dedite alla formazione sportiva dei giovani. La Cestistica con coraggio aveva sollecitato la Procura Nazionale ad indagini sull'utilizzo di qualche atleta e sul comportamento di alcuni arbitri, ricevendo lente conferme e tempi lunghi d'indagine fino a scoraggiare la stessa società a proseguire nella lotta per la trasparenza. Commovente al termine della gara quando alcuni professionisti si sono avvicinati al Presidente dichiarandole la loro disponibile partecipazione societaria per il prossimo anno. Segno che il lavoro del Presidente e la sua determinazione stanno sensibilizzando sempre più i cittadini ascolani. Bruno Allevi

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Sport


Articolo più letto relativo a Sport:
Corri per il Parco a Tor Tre Teste

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
Associated Topics

Sport

"LA FIP MARCHE DECIDE LA RETROCESSIONE DELLA CESTISTICA ASCOLI IN SERIE D" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/