Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Internet in pericolo 2

 .:Inviato Giovedì, 26 aprile 2007 @ 16:50:51 da virtualmondo
Software Libero 374 a favore 278 contro: così é stata adottata la prima lettura della proposta di direttiva IPRED2, sulle misure penali volte ad assicurare il rispetto dei diritti di proprietà intellettuale.

Nonostante una potentissima azione di lobby "industriale" da parte delle multinazionali e delle major da un lato, e dall'altro la inusitata pressione politica da parte della Commissione europea, che di questi interessi é stata ed é sempre più portavoce e rappresentanza, la battaglia per la libertà dei cittadini alla conoscenza e la sua condivisione e la difesa dello stato di diritto ha riscontrato vaste adesioni ancorché insufficienti.
Sarebbe bastato spostare altri 47 voti, e la direttiva sarebbe stata rigettata dal parlamento europeo, come avvenne per la direttiva sui brevetti software. Probabilmente con un mese in piu' di campagna ce l'avremmo fatta.

Seguono due comunicati stampa di Umberto Guidoni (PDCI) e di Fiorello Cortiana (Verdi), che ringraziamo per il loro impegno
COMUNICATO UMBERTO GUIDONI
"Purtroppo non siamo riusciti a respingere la direttiva, ma almeno abbiamo fissato alcune limitazioni che tutelano l'uso privato non a scopo di lucro degli utenti che per esempio utilizzano il P2P e la condivisione di file." Cosi' Umberto Guidoni, deputato europeo del Pdci, ha commentato l'esito del voto finale dell'aula di Strasburgo sulla relazione Zingaretti che stabilisce le sanzioni penali per chi viola i diritti di proprietà intellettuale.

"La direttiva - ha spiegato Guidoni - confonde il contrasto alla contraffazione con le violazioni in materia di proprietà intellettuale, rischiando cosi' di rendere meno efficace la lotta alla falsificazione criminale: sarebbe stato più utile, invece, limitare l‚applicazione della direttiva solo alle violazioni penali dei diritti riguardanti i marchi che hanno carattere commerciale, o che comportano violazioni rilevanti in materia di contraffazione (produzione in serie di contenuti illecitamente riprodotti dall'originale). L‚ampliamento improprio al copyright, invece, può comportare seri rischi per la privacy dei consumatori di prodotti multimediali."

"La direttiva - insiste Guidoni - rappresenta poi un pericoloso precedente perché affida ai soggetti privati un ruolo diretto nelle indagini che va oltre l‚ausilio tecnico alle autorità, e finisce per diventare un ruolo di impulso e indirizzo, in contrasto con i principi generali del diritto comune."

"Siamo pero' riusciti a limitare i danni presentando un emendamento (presentato da Guidoni per il gruppo della Sinistra Unitaria e da Zingaretti per il gruppo Socialista) che comprende il concetto di "violazione su scala commerciale" in modo da colpire la criminalità organizzata ed escludere esplicitamente gli atti effettuati dagli utenti privati per finalità personali e non lucrative. Una norma di tutela necessaria", ha concluso Guidoni.

Ufficio Stampa Umberto Guidoni
http://www.umbertoguidoni.org

COMUNICATO STAMPA FIORELLO CORTIANA

"CON UN TESTO CHE ESTENDE IN MODO CONTRADDITTORIO LA LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE ANCHE AGLI AMBITI DELLA PROPRIETA' INTELLETTUALE E QUINDI OGGI DELLA RETE INTERNET, ANCORA UNA VOLTA IL PARLAMENTO EUROPEO HA DETTO CHE IL FILE SHARING NON COMMERCIALE NON E' EQUIPARABILE ALLA CONTRAFFAZIONE.

IL PARLAMENTO EUROPEO HA APPROVATO IL RAPPORTO DEL RELATORE NICOLA ZINGARETTI RELATIVO ALLA DIRETTIVA IPRED2 CONTRO LA CONTRAFFAZIONE.
E' IMPORTANTE CHE IL PARLAMENTO ABBIA APPORTATO MODIFICAZIONI SIGNIFICATIVE AL TESTO PROPOSTO SIA PER QUANTO RIGUARDA GLI SCAMBI PERSONALI NON COMMERCIALI DI CONTENUTI SIA PER QUANTO RIGUARDA L'USO DI MATERIALI PER ANALISI CRITICHE E RICERCA IL COSIDDETTO "FAIR USE".
ANCORA UNA VOLTA IL PARLAMENTO EUROPEO HA SAPUTO DIALOGARE ED ASCOLTARE LE PREOCCUPAZIONI E LE PROPOSTE DELLA SOCIETA' DELLA CONOSCENZA.
RESTA ANCORA APERTO IL PROBLEMA DELLA PARTECIPAZIONE ALLE INDAGINI DEI DETENTORI DEI DIRITTI DI PROPRIETA' INTELLETUALE, CHE CONSENTIREBBE L'ESERCIZIO IMPROPRIO DI UN COMPITO PROPRIO DELLA MAGISTRATURA E DELLE FORZE DELL'ORDINE, CIO' POTREBBE CONFIGURARE UNA SCHEDATURA DI MASSA AD OPERA E AD USO DI PRIVATI. SPETTERA' ORA AL PARLAMENTO ITALIANO IN SEDE DI RECIPIMENTO TOGLIERE OGNI RESIDUA AMBIGUITA' ANCHE NEL RISPETTO DELLA NOSTRA CARTA COSTITUZIONALE"

SEN. FIORELLO CORTIANA
CONSULTA SULLA GOVERNANCE DI INTERNET MINISTERO DELL'INNOVAZIONE


Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Software Libero


Articolo più letto relativo a Software Libero:
Camera: passa il software libero

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Internet in pericolo 2" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/