Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Sequestro area stoccaggio pet coke Buzzi Unicem

 .:Inviato Venerdì, 02 febbraio 2007 @ 16:55:43 da sub
Ambiente


Ambiente e Legalità: questa mattina il Corpo Forestale dello Stato ha sequestrato nel Comune di Guidonia Montecelio un deposito di carbone su un’area di circa mq 15.000 realizzato dal cementificio Buzzi - Unicem Spa. Il deposito inquinava la falda acquifera e liberava polveri sottili che, a loro volta, erano fonte di inquinamento dell’aria. L’indagine era partita dalla Procura della Repubblica di Tivoli a seguito di un esposto di Legambiente Lazio.
Dichiarazione del Presidente di Legambiente Lazio, Lorenzo Parlati, e del Presidente del Circolo Legambiente di Guidonia, Stefano Roggi:
“Il fronte della legalità ambientale, costituito da Associazioni Ambientaliste, Procuratori della Repubblica sensibili e attenti alle tematiche ambientali, Forze dell’ordine chiamate al contrasto dell’illegalità ambientale – ha dichiarato il Presidente di Legambiente Lazio, Lorenzo Parlati – ha conseguito un altro importante risultato: infatti il sequestro, effettuato dal Corpo Forestale dello Stato, avvenuto questa mattina nel Comune di Guidonia Montecelio del deposito di carbone a cielo aperto realizzato su un’area di circa 15.000 mq dal cementificio Buzzi – Unicem Spa, è avvenuto sulla base di un esposto, presentato alla competente Procura della Repubblica di Tivoli, presentato da Legambiente Lazio e dal Circolo di Guidonia."...(continua)

Per maggiori info Legambiente Guidonia
...La storia del cementificio Buzzi – Unicem Spa, è infatti da tempo oggetto dell’attenzione della nostra Associazione: si tratta infatti di un impianto obsoleto dal punto di vista industriale, collocato a ridosso del Parco Regionale della Inviolata, e, in più, collocato a ridosso della discarica di Guidonia, da tempo oggetto – ha concluso Parlati – di ipotesi di allargamento ulteriore, naturalmente a scapito del Parco della Inviolata. Inoltre, la centralina di rilevamento dell’inquinamento atmosferico a Guidonia ha registrato in un anno 89 giorni di superamento (35 giorni all’anno è il limite consentito per legge), un numero elevato per un Comune delle dimensi! oni di G uidonia, legato quindi alla presenza di attività industriali tra cui il cementificio Buzzi – Unicem Spa che è il più grande d’Europa. A conferma- aggiunge Roggi-, lo studio della Provincia stilato nel 2006 che ritiene le attività industriali della zona responsabili dell’inquinamento e lo studio epidemiologico della Regione Lazio del 1997 che, ritenendo la situazione nel comune “ambientalmente critica”, ha riscontrato una forte incidenza di patologie gravi come neoplasie, linfosarcomi, e malattie del sangue di molto superiore alla media nazionale man mano che ci si avvicinava a cerchi concentrici agli stabilimenti.

Roma, 2 Febbraio 2007
L’Ufficio Stampa

Circolo Legambiente Guidonia ONLUS
Via della Lucera, 9
00012 Guidonia (RM)
tel 3281379217

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 3
Voti: 2


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Sequestro area stoccaggio pet coke Buzzi Unicem" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/