Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Facciamo chiarezza: Legambiente e i rigassificatori

 .:Inviato Lunedì, 04 settembre 2006 @ 17:58:54 da webmaster
Ambiente


Riceviamo da Stefano Roggi di Legambiente in merito ad un articolo pubblicato da Nuovo OGGI il 31 agosto 2006, e immesso nella rassegna stampa di Guidonia.Net:

Buongiorno,
ci è stato segnalato un vostro articolo, letto credo da Nouvo Oggi, come spesso succede, chi dovrebbe fare “informazione”, tende per approssimazione o ignoranza a fare “cattiva informazione”. Infatti l’artico da voi citato,(sezione Ambiente) estrapola da una mozione per un direttivo nazionale di Legambiente, la posizione favorevole nei confronti dei “rigassificatori” utili all’approvvigionamento metanifero, che sono ben altra cosa dei “gassificatori” da rifiuti, che non sono altro che inceneritori di RSU che produrrebbero gas, di cui, sempre nell’articolo, la Regione Lazio ipotizzerebbe l’istallazione di 4 impianti sul territorio regionale. Ovviamente a questi moderni inceneritori, Legambiente si oppone fermamente, per tutte le ragioni che tu conosci.
Per una corretta informazione a riguardo cito l’intera mozione riguardante i rigassificatori, che comunque interessano solo zone costiere con presenza di porti di un certo livello (per ospitare le navi-cisterna che trasporterebbero il gas liquido da “rigassificare”:

Da sempre, le proposte di Legambiente in tema di politica energetica assegnano al gas il ruolo di energia fossile “di transizione” verso l’uscita dalla dipendenza dai combustibili fossili, naturalmente a valle di un forte e prioritario impegno per il miglioramento dell’efficienza energetica e per lo sviluppo delle fonti rinnovabili a cominciare da solare e dall’eolico. Questo perch?? il gas, rispetto ai derivati dal petrolio e ai prodotti carboniferi, presenta un minore impatto inquinante su scala locale (emissioni di ossidi di azoto e di ossidi di zolfo) e un minore impatto climalterante in termini di emissioni di anidride carbonica.


E’ altresì evidente che se si vuole aumentare il contributo di gas alla produzione termoelettrica, occorre rendere meno rigido l’approvvigionamento metanifero, oggi affidato quasi per intero ai gasdotti che arrivano dalla Russia e dall’Algeria e nelle mani di un unico monopolista (l’Eni), e in particolare bisogna procedere alla realizzazione di alcuni terminal di rigassificazione. Anche questa posizione non è nuova per Legambiente: più di dieci anni fa ci schierammo a favore della realizzazione di un rigassificatore a Monfalcone, ma un referendum popolare indetto dal Comune vide la prevalenza del no all’impianto.


Noi riteniamo che l’Italia abbia bisogno, per una politica energetica innovativa e sostenibile, di alcuni rigassificatori. Pensiamo anche che questa scelta vada ricondotta nella prospettiva di un “governo nazionale” dell’energia, ponendo un argine all’attuale proliferazione di progetti locali che impedisce ogni seria programmazione (l’ ultimo Piano energetico nazionale risale al 1988). Di più, se è necessario che le comunità locali vengano pienamente coinvolte nella discussione e nella valutazione sui singoli progetti, è anche importante che la decisione sulla realizzazione e la localizzazione di rigassificatori non sia considerata materia di competenza esclusivamente locale; in quest’ottica, va respinta l’idea demagogica e falsamente democratica di affidare le scelte finali a consultazioni referendarie locali.

Per Legambiente, l’utilità di puntare sul gas come energia fossile di transizione è però legata al contestuale avvio di politiche di forte incentivazione alle fonti rinnovabili e all’efficienza energetica. Senza queste scelte, la realizzazione di rigassificatori resterebbe come un cambiamento tutto interno all’attuale, insostenibile assetto dei sistemi di produzione e consumo dell’energia: da tale punto di vista, le prime decisioni del ministro Bersani – i cosiddetti decreti-energia – non sembrano muoversi nella giusta direzione.

Com’è ovvio, i rigassificatori vanno localizzati con attenzione, e in alcuni casi i singoli progetti risultano inaccettabili e vedono Legambiente impegnata insieme ad un vasto movimento ad impedirne la realizzazione: così a Brindisi, dove il rigassificatore danneggerebbe gravemente le attività del porto turistico. In generale, noi pensiamo che gli impianti di rigassificazione vadano localizzati preferibilmente in aree industriali, dove possono diventare l’occasione per attivare interventi di risanamento ambientale, e fuori da siti di grande pregio ambientale e rilievo architettonico e culturale. E’ poi necessario valutare caso per caso con la massima attenzione e trasparenza l’incidenza dei terminal rispetto al rischio di incidenti industriali rilevanti, mentre v a respinta l’idea che il consenso delle comunità locali ai rigassificatori vada “incoraggiato” con erogazioni monetarie ai comuni svincolate da obiettivi di miglioramento ambientale. .

Per tutto questo, Legambiente rifiuta radicalmente l’idea di un’opposizione generalizzata contro i rigassificatori: i nostri comitati regionali, i nostri circoli e gruppi locali non possono in alcun modo prestare il fianco a iniziative di questo tipo, dannose per l’immagine e gli obiettivi dell’associazione, ne tanto meno assecondare forme pericolose di disinformazione che esagerando oltre ogni decenza i rischi potenziali dei nuovi impianti, alimentano allarmismi e catastrofismi del tutto impropri.


Certi di una vostra rettifica, porgiamo i nostri saluti.

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Facciamo chiarezza: Legambiente e i rigassificatori" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/