Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Video sink-hole

 .:Inviato Domenica, 19 febbraio 2006 @ 14:38:17 da webmaster
Ambiente


Durante l'incontro dell'11 Febbraio 2006 tra il Comitato Citta' Termale, l'Associazione Ambiente e' vita , i Cittadini e amministratori locali del Comune di Guidonia Montecelio e Tivoli, e' stato trasmesso un video realizzato per lo scopo.
Per visionare on-line premere qui





Giovedì 16 Febbraio 2006 Dal Messaggero di ELENA CERAVOLO
I CEDIMENTI DEL TERRENO NELLA ZONA DI VILLALBA

Crolli, evacuata un’altra casa pericolante Guidonia, conclusi gli accertamenti tecnici: salgono a cinque gli stabili a rischio Cinque stabili dichiarati inagibili sui 152 controllati, per un totale di otto nuclei familiari evacuati, 14 persone in tutto, e quaranta altri fabbricati individuati come "sorvegliati speciali". E' il primo bilancio dei sopralluoghi effettuato dai tecnici regionali incaricati di censire i danni causati dal fenomeno dei cedimenti del terreno nel quartiere Villini di Villalba di Guidonia. L'ultimo caso di inagibilità, con conseguente ordinanza di sgombero, è stato rilevato a via Molise l'altro giorno: lo occupava una signora di 82 anni che ora sarà costretta a lasciare la sua casa. Precedentemente la stessa sorte era toccata a 6 famiglie, per un totale di 11 persone tra cui due ultranovantenni, abitanti di quattro appartamenti di due diversi stabili di via Lombardia e a due anziani coniugi residenti in un'altra casa in via Torino. L'inagibilità non ha richiesto, invece, sgomberi per un vecchio magazzino di via Udine, già da tempo abbandonato. «In altri quaranta casi circa - spiegano dalla sede dei volontari della protezione civile di Guidonia, che sin dall'inizio di novembre hanno coadiuvato i tecnici della Regione impegnati nei sopralluoghi -, pur non essendo stata dichiarata l'inagibilità, si sono riscontrati problemi tali da richiedere un monitoraggio. Si tornerà, insomma, in quelle case per posizionare in corrispondenza delle crepe rilevate delle biffe di vetro da controllare, poi, periodicamente: se si trovano i vetrini rotti significa che gli squarci tendono ad aggravarsi». Si conclude, così, la prima fase del piano della Regione per la Piana delle Acque Albule, dopo la dichiarazione dello stato di calamità a a fine ottobre. Un censimento preliminare che servirà al tavolo tecnico istituito alla Pisana per portare a termine tutti gli studi di approfondimento necessari per individuare le cause del fenomeno e proporre le soluzioni appropriate. Studi per i quali la Regione ha stabilito un tempo preciso: sei mesi.

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 4
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Video sink-hole" | Login/Crea Account | 2 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Video sink-hole (Voto: 0)
di Anonymous il Domenica, 19 febbraio 2006 @ 23:53:20
sCUSATEMI... TRA LE TANTE CHE NE SENTO A CAUSA DELLA MIA CURIOSITà, spesso mi tocca tenere botta ad architetti, geometri ed ingegneri sui 60 65 anni, originari di Guidonia e lavoranti nell'edilizia dagli anni 60... che mi dicono questo:
Molti tra chi ora ha le crepe in casa, costruì per quanto possibile in maniera dipendente dai suoi mezzi economici, risparmiando spesso su fondamenta e cemento armato... mi si fa notare quindi che le case, anche molto alte, costruite al tempo secondo le vigenti normative, sono al loro posto senza crepe, le case costruite con  i mezzi disponibili (fondamenta appena accennate e molto tufo al posto del cemento)... ahimè no... cosa dovrei rispondere loro?
GjØ


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/