Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Raccontino della BuonaNotte...

 .:Inviato Domenica, 15 agosto 2004 @ 19:21:07 da gjo
Opinioni gjo scrive "Riceviamo e pubblichiamo questo racconto nello spirito della libera espressione che contraddistingue questo stumento. Il racconto e' forte nei contenuti, che vanno dal noir al pulp.... ...Entrando nel negozio sentì una musica strana, kualkcosa ke non si sarebbe mai aspettato di sentire entrando in un negozio di quel genere... per un attimo dimentikò il suo urgentissimo impegno e cantikkiò qualke secondo di kuella canzone... l'estate al mare... gli amici e le ragazze... i gelati... i lettini... quanti cazzo di anni dovevano essere passati... mentre arrivava al ritornello gli tornò in mente perké era entrato in quel negozio; abbassò gli occhi sull'uomo dietro al bancone... era invecchiato anke lui... e benké avesse un grembiule da lavoro invece del costume... lo si riconosceva anke da voltato... la canzone sfumò... e nell'attimo di silenzio prima ke il computer ne peskasse un'altra, il rumore secco di un'arma semi-automatica gli ruppe i timpani... ...ke succedeva? Mentre la gambe gli tremavano lievemente si concentrò sulle sue mani per capire se potesse essere stato un colpo accidentale mentre sfoderava... il freddo della pistola sembrava ora gocciolargli dalla punta delle dita... "perké non ti giri a guardarmi" pensò... mentre le gambe cedevano e la vista si offuscava il rancore scorreva via makkiando di rosso la moquette... sembrava sangue... ma a guardarlo bene ci vidi tutta la sua vita... ...tutta la notte... finké la signora delle pulizie l'indomani non fosse venuta a lavarla via....

...La signora delle pulizie arrivò 5 minuti prima quel giorno, andò direttamente in sala caffè a farsi una tiratina al volo... i turni di mattina l'avevano sempre spaccata e quella notte era stata in piedi sveglia ad aspettare ke rientrasse il figlio quasi trentenne... e neanke a dirlo doveva essersi fermato a dormire kissà dove... mentre si kinava rapida e sapiente per farsi quel paio di strisce al volo, quella mattina alzandosi la ciokka di capelli ke ogni volta in kuei casi le scivolava da sopra le spalle... si guardò per un attimo di troppo nell'uniko okkio riflesso nello spekkietto... quarantaquattro anni oggi... eppure bevuto il caffè come tutte le mattine c'era da pulire il negozio... ... vide il suo stesso okkio sokkiudersi per il peso di kuel pensiero, ke sembrava essersi adagiato soffice ma pesantissimo sulla sua palpebra per un momento... quando riaprì gli okki stava piangendo... si tirò su di scatto maledicendo se stessa ma ormai il peggio era accaduto... lacrime sulla cocaina... cazzo... cazzo cazzo cazzo... tanti auguri.... tanti auguri si ripetè mentre cercava comunkue di pipparsi kuelle due maledettissime strisce.... ma pippare piangendo non è possibile... e la rabbia nel vedere l'unica cosa di valore posseduta sprecarsi nel proprio muco... arrivò a leccarsi come un animale il fazzoletto di carta in cui s'era soffiata il naso... amaro... bene... la coca è amara... tanti auguri per i miei quarantaquattro anni...
Nel giro di cinque minuti era tutto finito, dimenticato... viso sciakkuato, trucco rifatto, guanti e spazzolone pronti... "kissà piuttosto ke fine avrà fatto mio figlio" pensò entrando dentro il negozio... ...inutile proseguire creativamente... a questo punto della narrazione abbiamo capito ormai ke la donna ritrovò il figlio di lì a pokissimo... ma ke la kosa per la prima volta, non le fece molto piacere.

...Non tutti sapevano ke: l'uomo nel negozio in piedi di spalle era il padre di quello entrato armato; il negozio era un armeria a gestione familiare, e dentro con un fucile semiautomatico carico in mano c'era anke, ma non visibile dall'esterno, il figlio del padrone... fratello appunto, dell'uomo di cui sopra. L'uomo aveva lasciato la casa ed il negozio di famiglia in seguito alle violenze sessuali inflittegli dalla madre in tenera età, il padre ed il fratello non avevano mai creduto alle sue parole, e lo avevano lasciato volentieri scomparire... la madre, cosciente della verità invece, era ormai scivolata in un tunnel di alcool e cocaina, relegata alle sole pulizie del negozio di famiglia... nell'orario pre-apertura, affinke non fosse ankora ubriaka, e komunkue nessuno dei klienti potesse vederla... l'uniko motivo per kui non si era ancora suicidata, è perké il suo pikkolo figlio in verità non era mai scomparso... lei lo teneva nascosto in casa lontano da tutti.
Poki seppero poi ke: la donna entrò distrammente nel negozio kiedendosi kome mai la porta non fosse kiusa a kiave, ma mentre guardava la maniglia per accertarsene inciampò nella testa del cadavere di suo figlio... abbassò istintivamente la testa gridando, e kuando gli okki misero a fuoko l'immagine il grido diventò un urlo sgraziato... quando l'istante successivo l'immagine prese senso nella sua mente l'urlo divenne un gemito misto a singhiozzi e pianto... la kokaina ed il kaffè le tornarono su in un solo konato di vomito ke non riuscì a trattenere... il pensiero dei vestiti sporki era niente confronto al forte dolore ke ore le blokkava il braccio... "infarto... uno dei motivi per kui è riskioso avere un cuore" e sorridendo morì, ironicamente cadendo con gli okki proprio davanti a kuelli del figlio... era sereno..."forse è riuscito a sparargli..." e fu l'ultimo pensiero... giusto giusto per lasciarla morire sorridendo... con una vita di merda come la sua... ki se lo sarebbe mai aspettato!?"

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Opinioni


Articolo più letto relativo a Opinioni:
MURIAMMAZZATO – 18 LUGLIO 2016 - ISOLAdelCINEMA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Raccontino della BuonaNotte..." | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Commento dell'autore (Voto: 1)
di Gjo il Lunedì, 16 agosto 2004 @ 17:20:33
(Info Utente | Invia un Messaggio)
...L'unico commento ke posso aggiungere è ke le kappa vanno perdonate per ciò ke sono, e cioè una mera forma sperimentale d'innovazione ortografica, tesa all'eliminazione di quei dittonghi come il ch appunto, ke nel resto d'europa hanno da tempo trovato una soluzione migliore... aggiungo ke l'accademia della crusca ha già esaminato questo effetto creato dalla limitatezza dei 160 caratteri disponibili i primi anni per i messagi sms e ha detto ke si tratta di normale evoluzione linguistica...
Ke dire... solo ke la politica non c'entra...
E ke ogni commento critico a questo racconto sarà strumento per creare un'atmosfera migliore nel prossimo... quindi se potete o volete... criticate, criticate pure!
GjØ


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/