Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 L’assessore sotto accusa: FI si spacca

 .:Inviato Martedì, 16 marzo 2004 @ 22:50:59 da titiro
Rassegna Stampa Cinque consiglieri si schiarano con l’opposizione nel chiedere le dimissioni di Rubeis. Consiglio infuocato a Guidonia Montecelio per dibattere la vicenda dell'assessore ai Lavori Pubblici Eligio Rubeis (Forza Italia), accusato di non aver controllato l'assegnazione di appalti di opere pubbliche. All'apertura dei lavori i cinque partiti del centro sinistra hanno presentato la mozione di richiesta di dimissioni di Rubeis e di trasferimento dei due funzionari del settore che avrebbero favorito parenti nell'affidamento di incarichi professionali. Insieme all'opposizione si è allineata anche una parte del partito di Forza Italia che ha chiesto all'assessore di fare un "passo" indietro, spaccandosi di fatto al suo interno. Ma a tarda sera la mozione non è passata per la parità nel voto: 13 a favore e 13 contro; qualcuno del centro sinistra si è astenuto facendo saltare la possibilità. Lunedì sera cinque consiglieri di Fi (Antonio Plinio, il capogruppo, Mariella Ferrante, Massimo Casavecchia, Giuseppe Stroscio e Mario De Maio) avevano chiesto la rimozione di Rubeis, fino al completo chiarimento della vicenda, firmando un documento presentato al coordinatore di Forza Italia Carmelo Monaco. «Un fatto grave e seccante per l'intera maggioranza - ha detto Plinio - ma bisogna far luce sull'intera vicenda». «E' una manovra - si è difeso così l'assessore Rubeis - fatta su carte false. Io non faccio parte della società che ha vinto gli appalti, come invece sostengono le forze di centro sinistra e per quanto riguarda le assegnazioni degli incarichi di lavoro a professionisti esterni, sono atti deliberati dai dirigenti del mio settore». Dalla parte di Rubeis il sindaco Stefano Sassano (Udc) ed il gruppo di Alleanza Nazionale. «Non è una questione politica - ha detto il primo cittadino - ma una vicenda che riguarda gli uffici». Duro l'intervento del capogruppo della Margherita, promotore della mozione che ha scatenato una bufera su Palazzo Matteotti, Domenico De Vincenzi. «Andremo fino in fondo - ha esordito - non è questo il modo di fare politica, privilegiando i propri interessi, a danno dei cittadini». «Se è necessario chiederemo - ha aggiunto - lo scioglimento del Consiglio comunale».
(da Il Messaggero del 12/03/04)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"L’assessore sotto accusa: FI si spacca" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/