Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Il Comune di Roma avanti piano verso Linux

 .:Inviato Giovedì, 26 febbraio 2004 @ 12:48:11 da titiro
Software Libero A partire da maggio, il software libero entrerà in Campidoglio L'assessore Gramaglia: "Scelta politica, non contro Microsoft". "Vogliamo dare un contributo alla diversificazione""Mettiamo subito in chiaro una cosa: noi non ce l'abbiamo con Microsoft". Mariella Gramaglia, assessore alla Comunicazione del Comune di Roma, ci tiene a porre nella giusta prospettiva quello che molti vedono come l'ennesimo ceffone assestato dal movimento open source a Bill Gates e soci: a partire da maggio, Linux inizierà a rimpiazzare Windows nei computer dell'amministrazione capitolina, ponendo Roma sulla stessa strada di Monaco e di altri comuni che, in Europa e nel mondo, hanno deciso di affidarsi al software libero. Un bel colpo per Linux e i suoi fautori. E il rischio di una brutta botta per le tasche e per l'immagine di Microsoft. Ma quello romano è comunque soltanto, per ora, un esperimento cauto e graduale: "Le prime prove saranno condotte sulla posta elettronica, sui software di agenda e sulle piattaforme di condivisione", spiega l'assessore Gramaglia. Anche i forum e i newsgroup che i cittadini utilizzano per dialogare con il Comune attraverso il portale Web saranno coinvolti nella sperimentazione. Aprendo a Linux, il Campidoglio vuole fornire il suo contributo al dibattito sulla diversificazione e l'ingresso di nuovi attori nel mercato del software. "In questo senso, la nostra può essere definita una scelta politica", dichiara la Gramaglia. Una scelta che, una volta tanto, dovrebbe incontrare consensi bipartisan: "Il dibattito sul software libero è stato portato avanti da parlamentari del centrosinistra, come il senatore Cortiana e l'onorevole Folena", spiega l'assessore. "Ma anche nel centrodestra, e penso al ministro Stanca, si sottolinea l'importanza di introdurre piattaforme open source nella pubblica amministrazione".Questioni politiche a parte, passare dal software proprietario a quello gratuito dovrebbe tradursi in un buon risparmio di denaro per le casse comunali. "Ma questo probabilmente avverrà solo nel medio periodo", precisa l'assessore Gramaglia. "Nel breve termine, quello che si risparmia sulle licenze lo si rispende nella formazione del personale, che dovrà imparare ad utilizzare i nuovi strumenti. Ci sono 9500 impiegati comunali, ormai, che utilizzano il computer". Certo è che, per Microsoft, la prospettiva di perdere gli introiti delle licenze in un apparato di queste dimensioni non deve essere piacevole. Qualcuno si è lamentato? "Assolutamente no", risponde l'assessore. "Quelli di Microsoft sanno la stima che abbiamo per loro. Ad esempio, sono gli sponsor di un programma comunale per l'alfabetizzazione informatica degli anziani. E continueranno a collaborare con noi su altri progetti".
(da Repubblica.it)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Software Libero


Articolo più letto relativo a Software Libero:
Camera: passa il software libero

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Il Comune di Roma avanti piano verso Linux" | Login/Crea Account | 1 commento
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: Il Comune di Roma avanti piano verso Linux (Voto: 0)
di Anonymous il Giovedì, 26 febbraio 2004 @ 17:23:41
Mossa propagandistica? Ma la Gramaglia non era quella che aveva censurato la rete civica del comune di roma nel 1998?
Certo.... ... si sara' convettita? Oppure segue le mode o i consensi?

ppan


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/