Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Guidonia, teppisti scatenati distruggono lapidi e fioriere

 .:Inviato Sabato, 14 febbraio 2004 @ 16:07:35 da titiro
Rassegna Stampa Fiori strappati, contenitori in mille pezzi e 150 vasetti rubati. Il custode del cimitero di Montecelio di Guidonia ieri mattina è rimasto allibito. «Non hanno risparmiato neppure questo posto» ha detto Alberto Rosati, mentre si dava da fare per sistemare quei pochi fiori rimasti sulle tombe.E' stato lui a scoprire quello che probabilmente è avvenuto nel corso della notte o, comunque, alle prime luci dell'alba di ieri: un raid vandalico al cimitero contro marmi, e vasetti funerari. Alle sette, ora in cui da 20 anni il guardiano apre il cancello del cimitero, si è accorto dell'incursione fatta da una o più persone che hanno depredato portafiori e immagini sacre, gettando a terra i mazzi lasciati sulle tombe. In un primo momento si è pensato che anche le tombe fossero state danneggiate dai vandali, ma dopo una attenta verifica, è stato scongiurato il peggio. «In 20 anni non ho mai visto niente del genere - racconta Rosati, 55 anni, dal 1984 in servizio al cimitero comunale di Guidonia - una bravata che non può rimanere impunita, il rispetto per i defunti non deve mai mancare». Alberto Rosati ha poi sporto denuncia ai carabinieri della stazione di Guidonia che hanno effettuato un sopralluogo per verificare l'entità del fatto. La vicenda è stata segnalata anche ai servizi cimiteriali del settore Lavori Pubblici del Comune e alla polizia municipale. I malviventi, entrati dopo aver scavalcato la recinzione esterna, si sono accaniti sui fiori dei cari estinti e sui portafiori di rame disposti sulle tombe. «Un fatto gravissimo - commenta il Presidente della circoscrizione di Montecelio, Angelo Ciccotti, tornato ieri pomeriggio da lavoro proprio per constatare con i suoi occhi l'accaduto - il mancato rispetto verso un manufatto sacro è segno di inciviltà, il limite del cimitero non è valicabile di notte». I militari della Compagnia di Tivoli hanno avviato le indagini volte alla ricerca dei responsabili.
(da Il Messaggero del 13/02/04)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Guidonia, teppisti scatenati distruggono lapidi e fioriere" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/