Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Comune, bufera su incarichi a parenti

 .:Inviato Martedì, 03 febbraio 2004 @ 16:21:42 da titiro
Rassegna Stampa Guidonia: la Margherita contesta l’affidamento di alcune ristrutturazioni. In una lettera la responsabile dell’assegnazione di progettazioni e lavori viene accusata di aver favorito la sorella Bufera al Comune di Guidonia Montecelio. A scatenarla una denuncia del gruppo della Margherita che anche questa volta tira in ballo l'affidamento di incarichi professionali e opere appaltate a parenti stretti, in contrasto con un principio amministrativo, consacrato in più leggi, che impone al funzionario il c.d. obbligo di astensione quando tratta questioni che interessano suoi familiari. Nomi, date e dettagli sono contenuti in una lettera protocollata ed indirizzata al sindaco Stefano Sassano (Udc), all'assessore ai Lavori pubblici Eligio Rubeis (FI) e al dirigente dello stesso settore, Paolo Montagnini. Nella missiva si punta il dito contro Paola Piseddu, funzionaria ai Lavori pubblici che, nominata responsabile unica di procedimenti per l'assegnazione di progettazioni e lavori, avrebbe affidato con avvisi pubblici importanti incarichi, per il valore di milioni di euro, alla sorella, l'architetto Alessandra Piseddu. Così è successo nel caso della ristrutturazione del teatro Imperiale, ex cinema di piazza Matteotti, progetto che gode di un finanziamento di quasi un milione di euro. Stessa sorte per la ristrutturazione del San Michele, ex convento di Montecelio - si prevede una sistemazione esterna ed il completamento degli arredi per una spesa complessiva di euro 260 mila - e per l'affidamento dello studio di fattibilità per la realizzazione del complesso scolastico nell'area dei consorzi. Raggiunta per telefono, Paola Piseddu ha affermato di non volere rilasciare alcuna dichiarazione in merito alla lettera, di cui ancora non è stata ufficialmente messa al corrente. Il capogruppo della Margherita Domenico De Vincenzi, firmatario della lettera insieme al consigliere dello stesso partito Orazio De Leo, nella sua accusa si appella ad un articolo del regolamento sui procedimenti amministrativi, approvato il 7 aprile del 1998. «Il responsabile del procedimento amministrativo e gli altri dipendenti dell'unità operativa competente - con documenti e carte alle mani, legge l'articolo numero 14 - devono astenersi dai procedimenti che interessano direttamente i familiari loro congiunti o affini fino al IV grado». In altre parole grida allo scandalo e promette di andare avanti nella vicenda. «Chiediamo la revoca degli incarichi affidati - dice De Vincenzi - e il trasferimento della funzionaria che ha assunto un comportamento lesivo nei confronti dell'amministrazione statale». «E' palese il danno al Comune - aggiunge - ed è chiaro che sia stato intenzionalmente ignorato il regolamento attualmente in vigore, nonché le leggi sugli appalti pubblici che impediscono che vi siano rapporti di parentela e interessi comuni tra il controllore e il controllato». «Dove lasciamo poi la deontologia professionale?». La vicenda, anche se in termini più generali, era stata sollevata poco tempo fa in un consiglio comunale da Orazio Di Leo, consigliere della Margherita. «Sono sempre le stesse persone ad avere importanti incarichi nel settore dei Lavori Pubblici. Un caso?». Il giorno Di Leo ha ufficialmente richiesto al Comune la documentazione relativa all'affidamento di lavori a professionisti, nonché le gare espletate nel corso dell'anno precedente per l'appalto di opere come manutenzione e rifacimento stradale.
(da Il Messaggero del 03/02/04)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Rassegna Stampa


Articolo più letto relativo a Rassegna Stampa:
LAVORI SOSPESI DOPO L’ULTIMATUM DELLA SOPRINTENDENZA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 2


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Comune, bufera su incarichi a parenti" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/