Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 LA DOMENICA DELLE SALME

 .:Inviato Lunedì, 01 dicembre 2003 @ 14:40:37 da titiro
Ambiente Ieri 30 novembre, presso l'aula consiliare del Comune di Guidonia Montecelio, durante lo svolgimento dei lavori, un gruppo di cittadini aderenti al Comitato Bloccacentrale e all'Associazione Amici dell'Inviolata hanno messo in atto una protesta del tutto pacifica per cercare di fermare la votazione su un punto all'ordine del giorno che si riteneva e si ritiene deleterio per gli interessi comuni di tutta la città. A questa forma di protesta è stata data la risposta più indecente. Il presidente del Consiglio Comunale ha fatto intevenire la forza pubblica per sgombrare l'aula consiliare e ha minacciato di denunciare all'Autorità Giudiziaria gli autori della protesta.l punto in discussione era la richiesta di una deroga alla legge regionale che definisce l'area dell'Inviolata parco regionale. Tale deroga è stata richiesta in previsione della realizzazione in quell'area di un centro trapianti di interesse nazionale. Va detto subito a scanso di equivoci e strumentalizzazioni che sia gli aderenti al comitato Bloccacentrale che gli Amici dell'Inviolata non sono contrari alla realizzazione nel nostro comune di un centro trapianti così importante che potrebbe dare anche lustro alla città. Quello che non si condivide nella maniera più ferma e decisa è la localizzazione di tale centro. Sono ormai anni che il territorio del Parco è sotto la minaccia di speculazioni. A parte il fatto che realizzare un centro trapianti a ridosso della discarica dell'Inviolata e della bretella autostradale Fiano-San Casareo non ci sembra assolutamente un' idea fattibile dato l'alto tasso di inquinamento dell'area stessa. I cittadini che hanno messo in atto l'estremo gesto di protesta ritengono che tale deroga sia solamente un grimaldello, una testa d'ariete che serve a determinate persone per impedire una volta per tutte il decollo del Parco Archeologico dell'Inviolata e l'inizio di una lottizzazione selvaggia. Partendo da questa considerazione e prendendo atto che anche i pochi consiglieri di opposizione rimasti in aula, non hanno assunto una posizione ben definita riguardo la delibera che si stava per votare, al momento della messa in votazione della stessa i cittadini dei due comitati hanno deciso in maniera totalmente pacifica di invadere l'aula, ben sapendo che tale gesto si configurava come reato penale. Da parte degli occupanti è stato chiesto al presidente del consiglio comunale di sospendere i lavori e iniziare una discussione per meglio valutare la portata di una tale delibera o in alternativa di interrompere i lavori e rimandarli ad altra data sempre per meglio confrontarsi e spiegare le rispettive posizioni. A tale richiesta il presidente ha risposto nella maniera più antidemocratica possibile: chiamando la forza pubblica e paventando l'ipotesi di una denuncia penale per interruzione di pubblico servizio. Alla reiterata richiesta di non mettere in votazione tale delibera si è aggiunto anche l'invito rimasto vano ai consiglieri di uscire dagli scranni e unirsi ai manifestanti per solidarietà; il presidente visibilmente irritato ha chiesto nuovamente di abbandonare l'aula. I cittadini che stavano protestando hanno deciso di non farlo assumendosene tutte le responsabilità. All'arrivo della forza pubblica coloro che protestavano sono stati espulsi dall'aula previa identificazione. I manifestanti che sono stati identificati e che rischiano una denuncia penale sono stati in tutto dieci persone. A questo proposito c'è anche da dire che non tutti quelli che hanno preso parte alla protesta si sono prestati all'identificazione, defilandosi in maniera quantomeno inopportuna. Dopo la cacciata dall'aula dei manifestanti e del pubblico (molto poco ad onor del vero) i lavori del consiglio sono ripresi e la maggioranza si è votata la delibera. Non sono stati accolti né l'invito dei manifestanti di interrompere la votazione né gli inviti dei consiglieri di minoranza e di alcuni della maggioranza. Durante la protesta, prima che arrivassero le forze dell'ordine un assessore di AN nonché deputato della Repubblica rivolgendosi ai manifestanti ha chiesto se pensavano veramente di rappresentare la volontà della maggioranza dei cittadini. La risposta viene data ora: si ! I manifestanti pensano di poter rappresentare la volontà della maggioranza dei cittadini. Perchè sono sicuri che la maggioranza se non la totalità dei cittadini non vuole più vivere in una delle città più inquinate d'Europa. Non vuole più vivere in una città dove si mettono prima gli interessi privati davanti a quelli pubblici, dove il diritto fondamentale alla salute è costantemente prevaricato, dove si cerca di limitare più possibile l'esistenza di areee protette solo per far spazio a speculazioni e lottizzazioni selvagge. Le nostre deleghe non sono in bianco e se di una colpa si sono macchiati i manifestanti è solo quella di usare il pensiero in modo libero ed autonomo al di fuori di ogni schema e solo per gli interessi della collettività. VIVA LA DEMOCRAZIA !!

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"LA DOMENICA DELLE SALME" | Login/Crea Account | 6 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie

Re: LA DOMENICA DELLE SALME (Voto: 0)
di Anonymous il Lunedì, 01 dicembre 2003 @ 16:45:18
Mi da molto da pensare il fatto che abbiano convocato un consiglio comunale di domenica(.........) e che soprattutto,nonostante la volonta' dei cittadini di GUIDONIA E NON SOLO DI CHIUDERE QUELLA INFAME DISCARICA,ci sia ancora chi vuole giocare con le nostre vite.
SPERO VIVAMENTE CHE TUTTO IL MALE CHE STANNO FACENDO ALLE DONNE AI BAMBINI AGLI UOMINI E ALL'AMBIENTE DI GUIDONIA ,DIVENTI QUALCOSA(PER LORO....) CHE ABBIA LA NECESSITA' DI UN CENTRO TRAPIANTI...................
A BREVE,SPERO PRIMA POSSIBILE.

QUANDO LA CANAGLIA IMPERA LA PATRIA DEI GIUSTI E' LA GALERA!
TIRATE FUORI LE PALLE ,SIATE UOMINI,SCHIERATEVI CONTRO CERTE INFAMIE E CERTI GESTI PALESEMENTE CONTRARI ALLA VOLONTA' POPOLARE!!!



SI AVVICINAVANO....MINACCIOSI.......(AH AH AH ,FATE PROPRIO RIDE,STATE ALLA FRUTTA....
MA TANTO AVETE LA SCADENZA SCRITTA ADDOSSO......)

UNO CHE NON MOLLERA' MAI LA LOTTA.


[ Rispondi ]


Un coro di vibrante protesta... (Voto: 1)
di Gjo il Martedì, 02 dicembre 2003 @ 02:41:28
(Info Utente | Invia un Messaggio)
Credo in verità ke i manifestanti non rappresentassero la maggioranza dei cittadini di Guidonia, bensì la totalità dei poki konsiderabili cittadini...
A mio umile avviso, la nostra città è popolata da morti viventi... la kui unika attesa è ke gli venga tolta anke la rimanente possibilità di respirare... poko e male tra l'altro... ma la maggioranza dei cittadini di Guidonia è fatta da morti viventi... e ki manifesta, PER SUA FORTUNA, non ne é rappresentativo...
Purtroppo "...se la meritano la diskarika..." tanto quanto Albertone... e ki non se la meriterebbe... bhè.. solo dio non sacrifica una città intera se vi è anke solo un uomo giusto...
e dio sappiamo tutti ke non esiste...!
GjØ


[ Rispondi ]

 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/