Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Tutto open source il robot fai-da-te

 .:Inviato Mercoledì, 12 novembre 2003 @ 17:15:52 da titiro
Software Libero Un progetto mette a disposizione degli hobbisti dell'elettronica il software e gli schemi necessari alla costruzione di un robottone basato su Linux e altri software free. Il suo costo finale non supera i 2.000 dollari.Dopo un lungo periodo di letargo, protrattosi per circa due anni, il progetto Open Automaton Project (OAP) si è recentemente risvegliato raggiungendo la sua prima pietra miliare: la realizzazione di un prototipo di robot basato sul proprio schema di progetto aperto e privo di royalty. L'obiettivo dell'OAP è quello di sviluppare un insieme di componenti modulari, sia hardware che software, e uno schema di riferimento che possano servire alla costruzione fai-da-te di robot semoventi adatti alla casa o all'ufficio. Per minimizzare i costi del robot, e mantenerli fra i 1.500 e i 2.000 dollari, il team di OAP sta cercando di utilizzare, ove possibile, componenti elettronici a basso costo già ampiamente diffusi sul mercato: per il "cervello" hanno ad esempio optato per un PC ai minimi termini, mentre per gli il sistema di visione stereoscopica hanno scelto due webcam FireWire. La piattaforma software di OAP si basa invece sul sistema operativo Linux, su alcuni software open source già in circolazione e su altri tool di controllo e driver sviluppati in seno al progetto e rilasciati sotto la licenza GPL. Sebbene all'inizio il progetto fosse stato concepito con l'ambizioso obiettivo di creare da zero un framework di interfacce hardware e software per la connessione dei vari componenti del robot, il team di OAP ha di recente deciso di avvalersi del lavoro già svolto dai progetti RETF e OROCOS, le cui interfacce aperte sono nel frattempo divenute degli standard de facto. Dafydd Walters, fondatore e leader dell'OAP, ha spiegato che i promotori del progetto sono ora al lavoro per ultimare il layer di astrazione fra l'hardware e il software di controllo, dopodiché il loro primo prototipo di robot "open source" potrà dirsi davvero completo. (da puntoinformatico.net)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Software Libero


Articolo più letto relativo a Software Libero:
Camera: passa il software libero

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Tutto open source il robot fai-da-te" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/