Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Copyfight

 .:Inviato Mercoledì, 05 novembre 2003 @ 14:20:25 da titiro
Handicap e sociale LONDRA: SCOMPARE IL COPYRIGHT PER LE OPERE DEDICATE AI DISABILIMentre Stati Uniti e Unione Europea favoriscono normative sul copyright sempre più restrittive e penalizzanti per i consumatori, dal Regno Unito arriva un confortante esempio di buonsenso legislativo. La scorsa settimana il parlamento britannico ha approvato un provvedimento che permetterà a scuole, biblioteche e organizzazioni no profit di duplicare e adattare qualsiasi tipo di opera dell’ingegno (soprattutto libri in formato elettronico e dvd) per renderla accessibile anche ai portatori di handicap. Tutto questo potrà essere fatto senza bisogno di alcun permesso da parte dei detentori del diritto d’autore e senza versare balzelli aggiuntivi, sebbene non è escluso che ai disabili possa essere richiesto un piccolo contributo per accedere all’opera opportunamente modificata. Si tratta di un decisivo passo in avanti verso l’adozione di un “fair use” il più possibile parificato tra chi ha la fortuna di godere dei cinque sensi e chi invece soffre di gravi problemi di vista, udito o tatto. Sono moltissimi i ciechi o i sordi che tuttora non possono godere di un’opera letteraria, teatrale, musicale o artistica, semplicemente perché chi ne detiene il copyright si rifiuta di realizzarne copie che siano fruibili da un pubblico disabile, oppure pretende di trarne un ingente guadagno. Basti pensare alla recente polemica scatenata in Italia dall’arrivo del quinto episodio di Harry Potter, “L'Ordine della Fenice”, in questi giorni disponibile in edicola per i tipi della casa editrice Salani a un costo di 24 euro. L’esponente del partito radicale Paolo Pietrosanti, cieco da circa dieci anni, ha annunciato l’imminente pubblicazione sul proprio sito di una versione digitale del libro che sia accessibile anche ai non vedenti. “Non si tratta di pirateria – ha dichiarato Pietrosanti – perché il compenso che chiedo per una copia modificata, 4,80 euro, è proprio la cifra necessaria per pagare i diritti d’autore”. Un’iniziativa per certi versi lodevole ma che alla Salani non è proprio andata giù. La casa editrice ha fatto sapere che, nel caso l’esponente radicale porti a termine il suo progetto, partirebbe immediatamente una denuncia penale a suo carico. Sarà forse per questo che il sito da cui si sarebbe dovuto scaricare l’Harry Potter per non vedenti non è più accessibile? La vicenda, che è probabilmente destinata a finire in tribunale, dimostra ancora una volta l’inadeguatezza dell’attuale normativa sul diritto d’autore che, invece di favorire la circolazione dei prodotti culturali attraverso molteplici formati e assicurare una giusta remunerazione ai loro proprietari, viene usata come un’arma per imbrigliare la diffusione non controllata del sapere. L’iniziativa di Pietrosanti sarebbe stata lodata nel Regno Unito come giusta e all’avanguardia. In Italia il suo fautore rischia invece di essere trattato alla stregua di un criminale. (da lastampa.it)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Handicap e sociale


Articolo più letto relativo a Handicap e sociale:
DA TIVOLI UN PASSO VERSO NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Copyfight" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/