Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 CHI HA SPENTO LA LUCE? Il blackout degli imbrogli

 .:Inviato Venerdì, 03 ottobre 2003 @ 10:08:03 da webmaster
Ambiente Come sono andate le cose sul balck-out del 28 Settembre scorso?
Ecco l'opinione del sindacato di base RDB-CUB

Finalmente sappiamo di chi è la colpa del blackout che sabato notte ha paralizzato l'Italia: un albero e un fulmine, che hanno messo in ginocchio tutto il sistema elettrico nazionale? la conclusione è stata che bisogna costruire nuove centrali elettriche.
Vediamo adesso di capire veramente cosa è successo.La liberalizzazione e la privatizzazione del mercato energetico hanno prodotto una disarticolazione di tutto il sistema elettrico, spostando l'obiettivo vero, che è quello dell'erogazione di un servizio pubblico essenziale, ad un interesse privato e quindi proiettato esclusivamente al profitto.

Al momento del blackout solo un terzo delle centrali erano in funzione.

Ciò è dovuto al fatto che le aziende che gestiscono la produzione di energia elettrica tengono gli impianti spenti in base a puri calcoli di convenienza economica; non essendo più un servizio pubblico decidono in piena libertà quando e quanta energia produrre.

La scellerata politica della privatizzazione del sistema elettrico italiano, partorita dal governo di centro sinistra con i Decreti Bersani e D'Alema e perseguita con altrettanta scelleratezza e superficialità dall'attuale governo, oltretutto senza nessun tipo di regolamentazione, ha causato la contemporanea chiusura, per ristrutturazione, di numerose centrali di produzione (Sermide, Chivasso, Brindisi, Napoli, ecc..), provocando così i presupposti che ci hanno portato al blackout di sabato notte.

Si cerca in tutti i modi di fuorviare dalle vere problematiche, proponendo soluzioni "alternative" quali il carbone o il nucleare perchè "economicamente vantaggiose" o peggio ancora ricorrendo alla regionalizzazione e quindi ad un ulteriore tipo di spezzettamento della rete elettrica.

Il tutto condito dalla ciliegina sulla torta rappresentata dalla proposta di costruite nuove centrali elettriche, che è un privilegio riservato ai privati in quanto il decreto di riassetto elettrico impedisce all'Enel di aumentare il suo peso sul mercato.

La realtà dei fatti è che l'Italia di notte dipende quasi esclusivamente dalla importazione di energia estera per permettere ai privati risparmi, sia energetici che occupazionali: negli ultimi anni il livello occupazionale è sceso di oltre 40.000 unità;
che il governo Berlusconi, con grande irresponsabilità, non ha finora autorizzato il gestore della rete nazionale (GRTN) a mettere in circolo le migliaia di megawatt prodotte ed inutilizzate (circa 11.000);
che le fonti alternative proposte, carbone e nucleare, non sono così economiche come ci vogliono far credere; che non abbiamo bisogno di nuove centrali elettriche utili solo alle tasche degli imprenditori;
che abbiamo invece bisogno di un totale risanamento sia delle centrali esistenti che dei sistemi di produzione e di trasmissione riunificando la loro gestione sotto il totale dominio pubblico.

In 50 anni di Enel e di sistema pubblico elettrico nazionale tutto ciò non si era mai verificato.

Impediamo che nuove disposizioni governative aumentino i poteri delle aziende elettriche private.

Battiamoci per riportare sotto il controllo pubblico tutto il sistema elettrico nazionale.
Rdb-CUB
00183 - ROMA - via dell'Aeroporto, 129 - ( 06/762821 - fax 06/7628233
www.rdbcub.it e-mail federazione@rdbcub.it

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Ambiente


Articolo più letto relativo a Ambiente:
Comunicato stampa sesto invaso

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"CHI HA SPENTO LA LUCE? Il blackout degli imbrogli" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/