Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Bruxelles dice sì ai brevetti sul software

 .:Inviato Mercoledì, 24 settembre 2003 @ 18:36:00 da titiro
Software Libero L' Europarlamento è favorevole a regolare a livello europeo i brevetti per le invenzioni attuate per mezzo di elaboratori elettronici. L' assemblea ha oggi approvato la relazione della deputata Arlen McCarthy che accoglie la proposta di direttiva presentata della Commissione Ue, in quanto «offre una maggiore certezza giuridica e un' uniformità a livello legislativo in tutt' Europa», chiedendo però al tempo stesso una serie di modifiche per meglio circoscrivere le invenzioni sul software soggette a brevetto. La relazione McCarthy è stata accolta con 353 voti a favore, 137 no e sei astenuti. Respinte a grande maggioranza (143 si, contro 379 no e undici astensioni) tre proposte di rigetto della direttiva.Il Commissario al Mercato interno Frits Bolkenstein ha difeso la direttiva contro cui erano state avanzate 120 mozioni di modifica con l'idea di modificare le norme vigenti in Europa in base alla Convenzione europea sui brevetti di Monaco (1973) che finora vietava la brevettabilità di «metodi matematici, algoritmi, metodi di lavoro, programmi per l'elaborazione dati e simili» (si tratta di forme di pensiero e non di prodotti industriali ndr). Contrari si sono espressi soprattutto i socialisti europei. «La posta in gioco - ha detto Fiorella Ghilardotti, dei Ds - è rilevante, poichè si tratta di garantire che la ricerca e l'innovazione continuino ad essere libere, di stimolare le innovazioni e le innovazioni attraverso il software a tutti i livelli». Nei giorni scorsi si erano direttamente appellati al Parlamento europeo anche i due creatori del sistema Linux, Linus Torvalds e Alan Cox. Dalla parte di Bolkenstein si è invece schierata la relatrice, la laburista britannica Arlene McCarthy. L'europarlamentare ha ricordato come già adesso, nonostante la Convenzione di Monaco, l'Ufficio brevetti europei abbia accolto 20 mila richieste di brevetti di software come «effetto tecnico». «In ogni casa - ha affermato McCarthy - vi sono cellulari o lavatrici che utilizzano programmi protetti da brevetti». Per la britannica, la direttiva è essenziale per «tutelare scienziati e imprese europee di fronte alla concorrenza di Giappone e Usa». (da unita.it)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Software Libero


Articolo più letto relativo a Software Libero:
Camera: passa il software libero

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Bruxelles dice sì ai brevetti sul software" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/