Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 Contro la brevettabilità del software

 .:Inviato Giovedì, 10 luglio 2003 @ 12:55:42 da titiro
Software Libero Immaginate di dover pagare una tassa ogni volta che cliccate sul link di un sito, oppure di non poter più visualizzare immagini mentre navigate su Internet, o ancora di dover rinunciare a fare i vostri acquisti in rete. Non si tratta di astruse minacce, ma di rischi concreti, dal momento che le società che possiedono il brevetto del «link» (banale collegamento tra un sito e l’altro), dei formati di compressione jpg e gif (i più diffusi per codificare le immagini sul web) e dello «shopping cart» (il carrello del commercio elettronico) potrebbero improvvisamente decidere di proibire o restringere l’utilizzo di queste tecnologie così fondamentali per gli utenti di Internet. Una questione complicata quella della brevettabilità del software, con la quale gli utenti e le aziende del nostro paese dovranno presto confrontarsi, loro malgrado. La Commissione Europea sta infatti valutando di ampliare anche nel nostro continente la normativa vigente negli Stati Uniti, che consente di porre brevetti sull’ideazione astratta (a cui il software, come le strategie commerciali e le teorie matematiche, appartiene) e non solo sulle sue applicazioni concrete.Se la nuova regolamentazione, fortemente voluta dall’eurodeputata britannica Arlène McCarthy, venisse approvata, si tratterebbe di una vera e propria rivoluzione giuridica, con immediate ricadute sul fronte sociale ed economico. «Stanno fabbricando un obbrobrio legislativo», sostiene Stefano Maffulli, presidente della sezione italiana della Free Software Foundation Europe, tra i più accesi contestatori della proposta McCarthy. «Il software è già tutelato dal diritto d’autore e dal segreto industriale. Conferirgli anche un’ulteriore patente significherebbe imbrigliare del tutto l’innovazione tecnologica». Ma cosa accadrebbe in pratica se il Parlamento Europeo decidesse di approvare la proposta sui brevetti? «Si verificherebbero notevoli difficoltà nel campo della produzione dei programmi. Ogni sviluppatore sarebbe costretto a brevettare i suoi software, con tutti i costi del caso. E subito le grandi aziende americane, proprietarie del 60% dei brevetti software rilasciati illegalmente dall’Ufficio Europeo Brevetti, lancerebbero una battaglia legale per mettere le briglie alle piccole e medie imprese europee che sviluppano algoritmi ogni giorno, ovviamente ignare di calpestare qualche astruso brevetto». Sulla volontà delle big corporate statunitensi di servirsi della bozza McCarthy per mettere le mani sul mercato software europeo insiste anche Simo Sorce, rappresentante dell’Associazione Software Libero, che ha denunciato come la nuova legge sia la copia carbone di un documento scritto dalla Business Software Alliance, l’associazione internazionale che rappresenta gli interessi delle più importanti società d’oltreoceano che producono programmi (interpellata a questo proposito da La Stampa, la divisione italiana di BSA non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali). Per far fronte a un’eventuale paralisi del mercato, dove sarebbero soprattutto le Pmi e i liberi professionisti ad avere la peggio, si sta organizzando una protesta su più fronti. «Stiamo facendo opera di sensibilizzazione presso i parlamentari di Bruxelles – ci conferma Sorce – e abbiamo lanciato una proposta ufficiale per la costituzione di un Comitato Permanente sulla Brevettabilità, che avrà il compito di assicurare che vengano rilasciati solo quei brevetti che vadano nella direzione del pubblico interesse». Immancabile, ovviamente, è partita anche una sommossa sulla rete, che ha coinvolto fino a questo momento 2.000 manager di PMI e 350mila liberi professionisti, firmatari di un appello online per chiedere agli eurodeputati di opporsi all’approvazione della nuova normativa. Le speranze di riuscita sono ben poche, perché le lobby burocratiche del Parlamento Europeo sembrano maggiormente interessate a garantire l’uniformità del nostro mercato con quello statunitense, piuttosto che ascoltare le necessità delle singole aziende. Un brevetto impedisce a chiunque di usare, studiare o gestire quella parte dello scibile umano su cui è stato concesso, per un periodo di vent’anni. Difficile immaginare gli effetti che l’introduzione di queste patenti potrebbe sortire nel campo del software, che da sempre si basa sulla collaborazione reciproca e sulla condivisione di idee ed esperienze. Per la protesta c’è tempo fino al primo settembre, giorno fissato per la votazione a Bruxelles. (da quintostato.it)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Software Libero


Articolo più letto relativo a Software Libero:
Camera: passa il software libero

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 5
Voti: 1


Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
"Contro la brevettabilità del software" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/