Aggiungi Documento o Foto
Invia Files/Foto
Aggiungi Segnalazione Ambientale
Segnala X Ambiente
Invia Video
Invia Video
Invia Notizia
Invia Notizia
Invia un sito
Invia Sito
Invia un sito
Iscriviti NewsLetter
Toolbar
Installa Toolbar
Libera Rete Civica del Nord Est di Roma
 NewsLetter
Iscriviti alle Newsletter
della Rete Civica


Indirizzo email

Lista/NewsLetter

Azione


 Seguici...


 "Giù le mani dai libri di testo" l'appello di Libertà e Giustizia

 .:Inviato Lunedì, 16 dicembre 2002 @ 23:14:08 da titiro
Cultura e Scienza I primi firmatari (da Umberto Eco a Enzo Biagi, a Umberto Veronesi) "preoccupati" e contrari all'idea del controllo sui testi scolastici"Giù le mani dai libri di testo", è l'appello lanciato da "Libertà e Giustizia" contro l'idea di mettere sotto controllo governativo i contenuti dei testi scolasti. I primi firmatari (Gae Aulenti, Giovanni Bachelet, Enzo Biagi, Umberto Eco, Alessandro Galante Garrone, Franzo Grande Stevens, Claudio Magris, Guido Rossi, Giovanni Sartori e Umberto Veronesi), assistono "con viva preoccupazione" alla proposta ventilata in commissione parlamentare di "un controllo esercitato dal Ministero della Pubblica Istruzione" sui manuali di storia per le scuole. Nel comunicato steso da Umberto Eco e sottoscritto anche dal Consiglio di presidenza dell'associazione (Gianni Locatelli, Aldo Gandolfi, Innocenzo Cipolletta e Simona Peverelli) si rileva infatti che "l'idea di un controllo governativo sulle idee espresse da libri di testo evoca stagioni evidentemente non ancora remote, in cui i regimi fascista, nazista e stalinista esercitavano tale diritto censorio" e si giudica l'idea come "indegna di un Paese democratico". "La responsabilità della stesura dei libri di testo - aggiungono i garanti - compete agli editori e agli autori e la responsabilità della loro adozione compete agli insegnanti, alla cui oggettività e senso critico si delega il compito di giudicare se un testo sia valido, e in che misura possa essere eventualmente criticato e integrato in sede di lezione, addestrando così gli studenti non solo ad apprendere ma anche a giudicare le loro fonti di apprendimento. Questo è l'unico controllo che in un Paese libero si può e si deve esercitare sui manuali scolastici". "Confidando pertanto nel senso di responsabilità degli editori e degli insegnanti, e nella dinamica di un libero mercato delle idee - concludono -, ci auguriamo che la proposta rimanga semplicemente nel limbo delle cattive intenzioni". I responsabili dell'asociazione fanno sapere che per aderire all'appello (che compare anche sul sito di "Libertà e Giustizia") basta inviare una e-mail all'indirizzo appello@libertaegiustizia.it (da repubblica.it)

Condividi questa notizia su Facebook
 
 Links Correlati
· Inoltre Cultura e Scienza


Articolo più letto relativo a Cultura e Scienza:
La grande vergogna

 Gradimento Articolo
Media del Punteggio: 0
Voti: 0

Vota per questo Articolo:

Eccellente
Very Good
Buono
Regolare
Cattivo

 Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google Condividi su del.icio.us Condividi su digg Condividi su Yahoo Condividi su Windows Live Condividi su oknotizie Inserisci sul tuo blog Splinder
""Giù le mani dai libri di testo" l'appello di Libertà e Giustizia" | Login/Crea Account | 0 commenti
I commenti sono chi li inserisce. Noi non siamo responsabili per il loro contenuto.
Per questioni di spamming, non sono consentiti link all'interno del commento. Grazie
 
Questo sito non è una testata giornalistica e viene aggiornato episodicamente sui temi contenuti, non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001. Ogni autore è responsabile del contenuto delle proprie notizie ed articoli. I commenti sono di proprietà dei mittenti. Aniene.Net non è responsabile per il contenuto dei messaggi postati dagli utenti, essi non rappresentano altro che l'espressione del pensiero degli autori.
Il materiale ivi contenuto puo' essere utilizzato , salvo diritti di terzi, purche' se ne citi la fonte.

Commons CreativeTutti i documenti presenti in questo sito sono sotto licenza Commons Creative ver. 2.0 , salvo indicazioni diverse, nel rispetto della proprieta' intellettuale. per info: http://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/2.0/it/